Il lancio ufficiale sembrerebbe programmato già intorno a metà 2021. Non si tratta di una criptovaluta vera e propria ma rappresenterebbe, almeno per quanto è dato sapere al momento, l’equivalente elettronico dell’euro fisico in contanti. Una moneta virtuale parallela alle banconote, con corso legale e stabile garantito dalla Banca centrale europea, che verrebbe usata per i pagamenti nei Paesi dell’Unione attraverso una tessera come quella sanitaria oppure con lo smartphone. Per essere operativo, ogni cittadino europeo dovrà disporre di un conto digitale e gratuito presso la Banca centrale europea.

«Oggi usare moneta elettronica significa avvalersi di almeno un intermediario, quasi sempre più d’uno» ha spiega a Linkiesta Luca Fantacci, professore di storia economica all’Università Bocconi e studioso della moneta, «e il rischio che l’intermediario fallisca è sempre dietro l’angolo. Se la controparte non è più un istituto bancario privato ma la Banca centrale europea, per definizione si azzera il rischio finanziario. La Bce non può fallire». Ma perché dovremmo mantenere un conto presso una banca privata, se quello aperto presso la Bce è più sicuro e per giunta usufruibile in tutta l’Eurozona senza commissioni? Fonti di Bankitalia riferiscono sempre a Linkiesta che si sta pensando di limitare la quantità di euro digitale disponibile sul conto, prevedendo dei massimali o introducendo delle penalità via via che la somma depositata aumenta. Tra le principali preoccupazioni da parte della Bce c’è la necessità di garantire un alto livello di protezione dei dati e della privacy per chi utilizzerà la moneta elettronica, e su questo punto, come sottolinea Fabio Panetta, membro del comitato esecutivo della Bce, una garanzia di tutela deriva dal fatto che la Banca centrale «non ha interessi commerciali legati ai consumi – contrariamente ai fornitori privati di servizi di pagamenti».

Ad ogni modo l’idea non è quella di rimpiazzare in toto l’attuale sistema dei pagamenti, bensì prevenire uno scenario futuro in cui non sia più possibile pagare cash. E se pensiamo che già oggi sono pochi i caselli autostradali che accettano contanti, un simile scenario non sembra poi così fantascientifico.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.