Dopo due mesi di discussione e migliaia di commenti sul portale del Movimento, il deputato Vittorio Ferraresi presenta alla fiera “Indica sativa trade” di Fermo il testo finale della proposta di legge che il Movimento 5 Stelle (insieme a Sel) depositerà alla Camera entro l’autunno.

Tra le misure previste: permesso di coltivazione di quattro piante di canapa, istituzione dei Cannabis Social Club sul modello spagnolo e uruguaiano, abolizione delle pene per i fatti di lieve entità e delle sanzioni amministrative per possesso di droghe leggere.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.





17 Comments

  1. si parlava di patenti , ma se io fumo domenica e mercoledì mi fanno un controllo delle urine , o l'analisi del capello risulto positivo anche se non sono sotto effetto dei cannabinoidi , bisogna cambiare un po questa regola, la patente va tolta se una fuma mentre guida o con determiti metodi che rilevino l'effettivo consumo al momento del controllo , ….e non basandosi sulle urine o sull'analisi del capello che vi rimane per un lungo periodo. spero che riuscirete a far capire anche questa cosa grazie

  2. Ivan Piersanti says:

    Io sto vivendo in Uruguay, la legge sulla legalizzazione qui è una porcata! Vi prego, prendete in considerazione il metodo canadese o in Colorado. Per una volta prendiamo esempio dai paesi che stanno avanti anni luce e non paesi arretrati!!

  3. perchè pensi che è una porcata?

  4. finalmente si smuove qualcosa in italia…

  5. Ivan Piersanti says:

    Devo schedarmi per andarla a comprare (cosa che per l'alcool non esiste)
    Il governo ha deciso che non si potranno piantare "strain" che superano il 15% di THC (sarebe come vendere soltanto la birra e vino e non super alcoolici perchè più potenti)
    Ci sarà un limite di 4 piante X Abitazione e non più di 450 gr annuali, chi ha una casa avrà solo 4 piante, chi ha più proprietà potrà averne molta di più.

    La vendono solo ai residenti (perció i turisti dovranno cmq rivolgersi al mercato nero)…

    Ripeto guardiamo il Colorado che ha incassato 11.5 milioni di dollari e ha diminuito la criminalità del 10%

  6. Ivan Piersanti anch'io sono per il modello statunitense

  7. ma tanto non faranno nulla..non vi illudete..fanno anche loro parte del sistema…

  8. In Germania utilizzano test che valutano l'assunzione di cannabis nelle ultime 3 ore, saranno reperibili anche in Italia?

  9. – Secondo Marco Barbieri (Pd) “ci sono molti elementi che lasciano perplessi (nella proposta di legge cannabis terapeutica del M5S ndr), c’e’ troppa enfasi sull’autarchia farmacologica e sull’approvvigionamento, non vorrei che l’idea di fondo, più o meno esplicita, fosse voler permettere la coltivazione di cannabis in Italia”. – cit.

    Questo utile idiota dovrebbe spiegare in base a quale principio giuridico, medico, psicologico, economico o sociale ritiene corretto che l'uva e l'alcol siano legali e la canapa ed i suoi derivati no.

  10. Siamo ipocriti, tolleriamo politici industriali professionisti cocainomani e poi guai a parlare di cannabis depenalizzata ,autoprodotta liberalizzata ..anche chi è malato spesso vivono l'incubo per averla al punto che sì arriva al mercato illegale.Non si vogliono vedere i veri costi sociali delle dipendenze , in primis alcool e tabacco,per costi sociali intendo costi in cure che poi diventano cronici, in giornate di ricovero ospedaliero ,in pericolosità sociale…e allora cosa c'entra la marijuana ? Non sono più giovane ,sono una vecchia hippie e non conosco nessuno e ribadisco nessuno che ha avuto bisogno di una sola pillola per curare problemi legati alla maria o un ricovero o che abbia astinenza , vi dirò di più..alla guida sotto effetto di maria non si riesce neanche volendo ad andare forte…e allora di che parliamo..?? Se i pentastellati sono il nuovo ,beh io mi aspetto che si smarchino dalle mafie !!

  11. Giovanni Foresti says:

    come già ho detto nel mio intervento a Fermo, sconsiglio la definizione delle 4 piante e suggerisco piuttosto la definizione di una superficie come previsto negli USA.

    2 metri quadrati per esempio per dare la possibilità di seminare qualità tradizionali naturali e non femminilizzate e poter così scegliere solo in fase di fioritura quali piante tenere.

    Il rischio è che con 5 o più piantine appena nate si incorra in illeciti mentre con 4 piante in piena fioritura tutto sia legale.

    Per la vendita legale della canapa invece proporrei semplicemente le erboristerie: chi meglio di un erborista può consigliare un uso corretto della pianta?

    Per il resto condivido pienamente l'impianto della proposta e lo spirito unitario che la anima. Ora si tratta di convincere il PD 🙂

  12. io credo che culturalmente l'Italia non è pronta alla legalizzazione della cannabis neppure per uso personale; ci sono stati troppi anni di controinformazione.
    Io sono per la libertà totale di coltivazione di qualsiasi tipo di pianta…qualsiasi!
    In giardino ho quintali di ortensie e altre piante molto pericolose che hanno principi attivi molto potenti paragonabili all'LSD…sono piante che possono ditruggere le cellule nervose e creare danni irreparabili, ma sono legali.
    Quindi perchè limitare la coltivazione a solo 4 piante, non è una cosa logica!
    Ma come scrivevo all'inizio l'Italia non è ancora pronta per un passo così lungo.
    Soluzione possibile, rendere la cannabis terapeutica legale quindi qualsiasi medico te la può prescrivere per qualsiasi problema che è stato provato possa curare,
    dal cancro alla depressione etc etc…problema risolto.
    Se poi ti trovano delle piantine in un vaso etc etc pena pecuniaria e via…
    Paghi una multa a piantina come se ti trovano a raccogliere funghi senza permesso.
    Senza nessuna segnalazione e alcun carico pendente…così lo Stato fa cassa in un certo modo e il cittadino si sente più o meno libero di rischiare o meno.
    Ovviamente ci vogliono dei produttori onesti che mettono in commercio della cannabis di qualità per uso terapeutico.
    Speriamo bene, per chi ha bisogno di usarla veramente per scopi terapeutici e ne conosco tanti purtroppo…ma ho poca fiducia sulla elasticità mentale dell'italiano medio 🙁

  13. Concordo per dare la risorsa canapa terapeutica agli erboristi..

Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.