vignetta islamNell’agosto del 1978 un aereo della compagnia di bandiera iraniana portò la mia famiglia e me a Tehran. Il mio papà era stato progettista di ponti, cavalcavia, passerelle pedonali e svincoli dell’Autostrada del Sole prima, della NA-BA e CE-SA dopo. Quando le grandi opere furono terminate e in mancanza di stimoli adeguati, decise di andare all’estero, sempre lavorando per il gruppo IRI. Se non ricordo male si trattava della costruzione di un’autostrada che avrebbe collegato Tehran al Golfo Persico, dando facile accesso ai numerosi pozzi petroliferi.

UN POPOLO E UNA CULTURA MILLENARIA. Io non ero tanto d’accordo a trasferirmi, avevo amici e fidanzato che non volevo lasciare, ma dovetti assoggettarmi al volere dei miei data la mia minore età. Una volta sbarcata però ci misi molto poco ad innamorarmi di un paese bellissimo, fatto di gente consapevole della propria storia millenaria, i cui giovani amavano lo studio e il divertimento e nelle cui università fermentavano le idee. Il mio grande rammarico è però quello di non averlo conosciuto prima; prima che lo Shah e la classe dirigente formatasi in America, laica e di costumi occidentali, facessero danni quasi permanenti.
All’Imperatore e alla sua forzata americanizzazione si opponeva la classe dei grandi proprietari terrieri che erano stati oggetto di espropri, i contadini che si erano impoveriti dopo il divieto di coltivare oppio e canapa e riversati in massa nelle baraccopoli delle grandi città, e i religiosi che mal sopportavano l’ateismo consumista imperante. Si importavano cibi considerati proibiti, come prosciutto e carne congelata, addirittura si produceva un vino dal nome altisonante, Chateaux Margot. Ritengo il defunto Reza Palhavi la causa dell’ondata di integralismo Islamico che ci accompagna da quasi quarant’anni, colui che ha dato il “la” all’insofferenza. Col tentativo di sradicare usi e costumi che si perdevano nella notte dei tempi, aveva provocato la prima rivoluzione diretta contro l’Occidente; da lì in poi niente sarebbe stato come prima e altri paesi ne sarebbero stati fortemente influenzati.

BLU JEANS, ALCOOL E COCA-COLA. Gli Stati Uniti avevano per esempio deciso che l’unica droga lecita sarebbe dovuta essere l’alcol, che il giusto abbigliamento jeans e maglietta, che il chai (il té) sarebbe dovuto essere sostituito dalla Coca Cola e che il chador che ricopre parzialmente le donne, un abito da medio evo. Mi vengono in mente le risate che mi facevo con mio fratello Enrico, nel guardare poliziotti dotati di Harley Davidson Electra Glide, uscire in continuazione fuori strada in presenza di semafori con relative cunette, da un solo cammello erano passati di colpo a più di ottanta cavalli, un po’ troppi anche per il centauro più ardito. Ricordo che il mio amico Fariborz il quale mi procurava quel meraviglioso fumo nero fuori e verde scuro dentro, rifuggiva dalla sostanza, preferendo di gran lunga la Vodka. A lui sembrava più chic, a me più stupido, come stupido mi sembrava mangiare quello schifoso pollo fritto di Kentucky Fried Chicken, tanto amato dai giovani locali. Ho da poco scoperto per esempio che nel Parlamento Iraniano era stata abolita la Sala dei Fumatori, nella quale, dopo i lavori parlamentari, ci si riuniva in amicizia, accomunati dal piacere di oppio e hashish; al suo posto un bar ben rifornito di alcolici.

MEDICINE AL POSTO DI CANAPA E OPPIO. L’oppio in particolare, che alleviava i dolori delle donne impiegate nella raccolta del tè e che a cinquant’anni si riducevano piegate in due dalla fatica di assistere piantine alte 50 cm, era stato sostituito da antidolorifici e barbiturici, tradendo un principio attivo che per millenni era stato alla base della medicina popolare. Insomma lo Shah stava traghettando il paese verso la “modernità”, favorendo multinazionali avulse dal contesto. Ma ai discendenti di Ciro il Grande consci della loro storia e fieri delle proprie tradizioni, tutto ciò non piaceva. Era stato relativamente facile nell’Italia del dopoguerra, stanca e malandata, imporre chewing gum e rock’ roll, apparire come i bravi liberatori e godere per sempre di una posizione strategica nel Mediterraneo; più difficile sradicare usi e costumi di un popolo fortemente attaccato alle proprie convinzioni etiche e religiose e soprattutto consapevole dell’enorme ricchezza del proprio sottosuolo sul quale si stavano dirigendo le solite compagnie Texane.

Quando alla dittatura di Reza Phalavi si sostituì, dopo la rivoluzione del ’78-79, quella religiosa e la sua Inquisizione, la borghesia ricca e potente era già scappata, lasciando un popolo ridotto alla fame e facilmente condizionabile. La conseguenza è stato un trentennio di oscurantismo paragonabile alla nostra Controriforma e a farne le spese, come al solito, le donne, le nuove streghe da mandare al rogo. Oggi il paese è in ripresa, le tensioni ammorbidite, le università sono tornate ad essere un’officina di idee e le ferree leggi islamiche hanno lasciato il posto a un quasi normale uso della religione. Il monito dell’Iran è molto chiaro: lasciateci in pace, pena una bella bomba atomica su Israele.
Agli Usa resta il ricordo della più grande batosta subita dai tempi della guerra in Vietnam. E a me una goduria infinita.





5 Comments

  1. Bello il paragone del Cammello con l'Harley…ma rimane migliore il cammello…per il resto…rimango dalla parte di voi donne…uniche vittime della stupidità degli uomini (o presunti tali)!

  2. Diciamo che si usa la religione per punirci, ma si tratto' solo di una mela!
    Se ti è piaciuto, condividi e diffondi!

  3. Silvia Bonetti …che forse non era nemmeno una mela,ma qualcos'altro! Grazie e buona vita!

  4. se non sbaglio l'unico errore di quel viaggio fu il comagno:
    eh,eh,eh!

Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.