Il settore canapicolo è da anni che chiede una chiara regolamentazione della coltivazione e trasformazione della canapa, anche con l’entrata in vigore del decreto legislativo n. 75/2018 aveva chiesto l’inclusione della canapa tra le piante officinali, proprio per le sue proprietà benefiche.

Lo scorso agosto, con il Decreto Ministeriale del 27.07.2020 pubblicato in Gazzetta Ufficiale, è stato pubblicato un nuovo elenco, approvato dal Ministro dell’Agricoltura, sui prezzi unitari massimi per l’anno 2020 per il mercato dei prodotti agricoli, e finalmente sono state incluse anche le infiorescenze di canapa a uso estrattivo tra le piante officinali. Quindi adesso la canapa potrà essere coltivata, sempre con la percentuale di THC sotto lo 0,2%, e trasformata per alimenti, cosmetici, bioplastiche, semilavorati, bioedilizia e florovivaismo come previsto dall’art. 2 della L. n 242/2016 oppure utilizzata come pianta officinale.

«È un buon passo avanti – ci dice al telefono entusiasta Beppe Croce, presidente di Federcanapa – perché inserire l’infiorescenza in un elenco ufficiale di prodotti agricoli con firma del Ministro dell’Agricoltura è sicuramente un ottimo passo avanti. Il nostro giudizio è molto positivo sulla presa di posizione del Ministro dell’Agricoltura e non credo che il governo o qualcun altro ministero possa smentire questo. Il mercato industriale quindi dovrebbe stabilizzarsi, e chiaramente questo non riguarda il mercato della cannabis light.».

Mentre in un approfondimento tecnico l’Avv. Bulleri chiarisce che «appare pertanto evidente come lo scopo del decreto legislativo n. 75/2018 è proprio quello di superare i dubbi, gli equivoci che da tempo bloccano il settore della canapa industriale» e prosegue specificando che «la menzione delle infiorescenze di canapa sativa tra le piante officinali produce pertanto l’effetto di far rientrare le medesime, oltre che nella generica disciplina della legge-quadro n. 242/2016, anche nella disciplina di cui al D. Lgs. n 75/2018 il quale costituisce il Testo Unico in materia di piante officinali.».

Insomma questo decreto finalmente da spazio ad una filiera che negli anni è stata sempre vittima di pregiudizi oltre a confermare che la canapa è un prodotto agricolo e non uno stupefacente.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.