Una circolare strana, con diversi errori e in buona sostanza sconclusionata, è quella emessa dal ministero della Salute sulla cannabis terapeutica. Come se servisse fare nuova confusione su di un settore che già per come è ordinato rende l’approvvigionamento medico una corsa ad ostacoli per tanti malati.

La circolare, emessa il 23 settembre, apparentemente dichiara non legali le preparazioni di olio e capsule a base di cannabis terapeutica (ovvero le forme più frequenti di utilizzo di cannabis terapeutica) nonché la spedizione dei preparati medicinali dalle farmacie direttamente ai pazienti, imponendo il ritiro diretto da parte del malato.

Il documento, firmato dal nuovo direttore generale dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico Achille Iachino, contiene oltretutto diversi errori, come il passo in cui si afferma che le resine e gli oli di cannabis non sono inseriti nella tabella dei medicinali ma in quella degli stupefacenti, dimenticando che lo stesso ministero della Salute aveva rettificato questo punto solo pochi mesi fa.

La circolare non ha valore di legge ma è inviata a tutti gli attori del settore; medici, farmacisti ed anche il Comando dei Carabinieri per la tutela della salute. Ragion per cui tra pazienti e farmacisti si è diffuso il legittimo timore che possano seguire controlli, multe ed arresti per chi prepara e distribuisce oli e capsule a base di cannabis. Modalità di utilizzo che sono utilizzate dalla gran parte dei malati, che le preferiscono ai decotti casalinghi in quanto consentano di avere la certezza di dosare la giusta quantità di farmaco.

Per questo Forum Droghe ha lanciato una raccolta firme ed inviato una lettera di richiesta di chiarimenti al ministro della Salute Roberto Speranza, il cui testo è consultabile a questo link.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.