Buone notizie

Il Ministero della Salute ha sbloccato i fondi per la ricerca sui metodi alternativi alla sperimentazione animale

Il decreto del Ministero della Salute, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.233 del 29 settembre 2021, prevede lo stanziamento di 1,6 milioni di euro da destinare a istituti zooprofilattici sperimentali, enti pubblici di ricerca e università per progetti basati su metodi sostitutivi alla sperimentazione animale.

A dare la notizia è stata la Lav, la Lega Anti Vivisezione, che da anni porta avanti campagne in cui ribadisce la necessità di superare la sperimentazione animale.

Il 16 settembre scorso, intanto, il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione per chiedere un piano d’azione a livello comunitario che consenta di passare a metodi alternativi e più etici.

L’obiettivo è quello di introdurre una “graduale eliminazione mediante la riduzione, il perfezionamento e la sostituzione delle procedure su animali vivi a fini scientifici accelerando lo sviluppo dei metodi, delle tecnologie e degli strumenti alternativi non basati sugli animali”, secondo un “calendario chiaro e ambizioso e un elenco di tappe intermedie”.

Nella risoluzione si riconosce come negli ultimi 11 anni (da quando è stata approvata la direttiva 2010/63, che punterebbe a limitare quanto più possibile la sperimentazione animale e ad eliminarla completamente nei casi in cui non sia necessaria) non ci sia stato un cambiamento significativo nel numero complessivo di animali utilizzati a fini scientifici.

All’interno dell’ultimo report diffuso dal ministero della Salute – che ha il compito di autorizzare le procedure che coinvolgono gli animali nel nostro paese –, si legge come in Italia siano quasi 600mila gli animali sfruttati ogni anno nei laboratori. E questi numeri comprendono cani, gatti, primati, roditori, furetti, capre, bovini, suini, rane e pesci, solo per menzionarne alcuni. Anche in questo caso, il numero si riferisce ai dati resi noti nel 2017, visto che da allora non sono mai state comunicate cifre più aggiornate.

Fonte: Fondazione Veronesi




SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.