Il governo lussemburghese continua a muovere a passi decisi verso la legalizzazione della cannabis. Dopo l’annuncio di alcuni mesi fa, quando il premier Xavier Bettel dichiarò che il governo intende abbandonare il proibizionismo, il governo ha continuato a muoversi nell’ombra mettendo a punto la bozza del testo di legge di quella che potrebbe diventare la prima legalizzazione della cannabis vera e propria in Europa.

La bozza del disegno di legge è stata pubblicata dall’emittente pubblica lussemburghese Radio 100,7. La medesima fonte specifica che l’intenzione del governo lussemburghese è quella di non andare allo scontro con l’Unione Europea né con i paesi confinanti e per questo sono previsti per i prossimi mesi tavoli di confronto con la possibilità di apportare modifiche concertate al testo.

Questi i punti principali di come funzionerà la legalizzazione della cannabis in Lussemburgo secondo Radio 100,7:

  • I cittadini di almeno 18 anni potranno acquistare massimo 30 grammi di cannabis al mese previa registrazione in un albo dei consumatori
  • Per accedere alla cannabis legale bisognerà essere residenti in Lussemburgo da almeno 6 mesi (regola che mira ad evitare il turismo della cannabis)
  • Divieto di autoproduzione della cannabis per i consumatori
  • A produrre la cannabis saranno esclusivamente due enti autorizzati dallo stato che dovranno rispettare rigidi protocolli di produzione
  • Inizialmente vi saranno 14 punti vendita dove i cittadini potranno acquistare la cannabis
  • Il prezzo al dettaglio sarà stabilito dallo stato (nella bozza viene specificato semplicemente che dovrà essere “né troppo economico, né troppo caro”
  • Non vi saranno limiti di THC, ma si prevede una tassazione progressiva in base al principio attivo per scoraggiare la produzione di cannabis con livelli alti psicoattivi
  • Sarà vietato consumare cannabis nei luoghi pubblici ed in tutti i luoghi dove attualmente è vietato il consumo di tabacco
  • Sarà vietata ogni forma di pubblicità sulla cannabis legale

Criteri stringenti, che dimostrano come – almeno nella sua prima fase – il governo lussemburghese voglia procedere ad una regolamentazione rigidamente controllata, che non trasformi il paese in una meta di turismo per i consumatori di cannabis dei vicini paesi europei.

Ancora non si sa quando la bozza sarà presentata in Parlamento, probabilmente non prima di aver concertato i passi con le istituzioni europee e dei paesi vicini. Tuttavia la strada è tracciata: il Lussemburgo (a meno che non verrà anticipato dalla Croazia, altro paese lanciato verso la legalizzazione) potrebbe diventare il primo stato europeo ad approvare una vera e propria legalizzazione della cannabis, superando le legalizzazioni informali in vigore in Spagna ed Olanda.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.