AntiproibizionismoHigh times

Il gruppo per la legalizzazione in Europa

Cinque europarlamentari di partiti e Paesi diversi hanno creato un gruppo informale per la legalizzazione della cannabis

legalise it ep il gruppo per la legalizzazione in Europa

La speranza che la cannabis venga sottratta al monopolio di mafie e criminali arriva dall’Europa. Se in Italia le battaglie degli antiproibizionisti si scontrano con la mancanza di volontà politica di portare avanti i provvedimenti che precedentemente vengono sbandierati come necessari in campagna elettorale, in Europa diventa concreta la possibilità che le cose cambino.

Insomma, è bastato che la Germania manifestasse con il nuovo governo l’intenzione di regolamentare la cannabis, che tutta una serie di meccanismi si sono messi in moto.

Nell’ultimo periodo abbiamo assistito ad un incontro storico per la legalizzazione della cannabis a livello europeo, una sorta di “G5” della cannabis con ministri di Germania, Lussemburgo, Malta e Olanda che si sono ritrovati con un comune punto di partenza: “Lo status quo non è più sostenibile”, hanno sottolineato in una dichiarazione congiunta.

IL GRUPPO PARLAMENTARI PER LA LEGALIZZAZIONE IN EUROPA

Ma questo non è l’unico tentativo che va in questa direzione. È infatti accaduto che 5 membri del Parlamento europeo, provenienti da diversi Paesi e diversi partiti, si sono uniti per creare un gruppo di interesse di europarlamentari che sostengono politiche basate sui diritti umani relative all’uso personale di cannabis.

Il gruppo per la legalizzazione in EuropaIl gruppo (nella foto sopra) è composto da Cyrus Ebgerer (Malta), Monica Semedo (Lussemburgo), Mikuláš Peksa (Repubblica Ceca), Dorian Roomaker (Paesi Bassi) e Luke “Ming” Flanagan (Irlanda) e a luglio hanno scritto una lettera aperta a tutti i 705 membri del Parlamento europeo incoraggiando altri eurodeputati a unirsi al gruppo informale, accolgliendo con favore i recenti sviluppi sulla legalizzazione della cannabis in Germania, Malta e Lussemburgo e chiedendo una maggiore condivisione delle informazioni tra gli Stati membri sull’argomento.

“Come membri del Parlamento europeo, riteniamo che sia nostro dovere portare alla luce le questioni relative alla violazione delle libertà personali dei cittadini dell’UE. Riteniamo che, in quanto parlamentari, dobbiamo essere sinceri e non avere paura di toccare argomenti che per alcuni potrebbero essere tabù, a causa di idee sbagliate e disinformazione. Uno di questi è l’uso personale della cannabis”.

Nel video caricato su YouTube, il gruppo che prende il nome di Legalise It EP ha evidenziato il mosaico di leggi obsolete e imprevedibili che costringono i cittadini dell’UE a rivolgersi al mercato nero o a finire in carcere per piccole quantità di cannabis per uso personale.

“A causa di una legislazione antiquata e imprevedibile, i cittadini dell’UE sono spesso costretti a rivolgersi al mercato illegale o, peggio ancora, a finire in carcere per il possesso di piccole quantità di cannabis per uso personale. Questo non riflette il livello di libertà che ci si aspetta dalla nostra vita in Europa”, ha dichiarato il gruppo.

“Come eurodeputati, vogliamo approfittare di questa dinamica e creare un gruppo d’interesse trasversale all’interno del Parlamento europeo, dove condivideremo le migliori pratiche, parleremo con gli esperti, organizzeremo audizioni e conferenze e discuteremo la situazione del consumo personale di cannabis all’interno dell’Unione Europea”.

Inoltre, al momento dell’annuncio, l’eurodeputato irlandese Luke “Ming” Flanagan ha dichiarato: “La cannabis legale è più sicura. Questo è un fatto indiscutibile. Molti Paesi dell’UE si stanno lentamente ma inesorabilmente svegliando dall’incubo del divieto della cannabis”.

“Il Parlamento europeo deve dare voce a questa realtà. La formazione di questo gruppo è una mossa significativa in un momento importante nel tentativo di cambiare quella che è stata una legge catastrofica per molti cittadini dell’UE che sono altrimenti rispettosi della legge”.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button