CannabusinessHigh times

Il governo israeliano sta preparando l’avvio dell’export di cannabis nel mondo

Il governo israeliano sta preparando l'avvio dell'export di cannabis nel mondoIsraele muove passi sempre più rapidi verso il mercato della cannabis terapeutica mondiale. Pochi mesi fa l’approvazione della legge che depenalizza il consumo di cannabis per i suoi cittadini, in contemporanea alla quale ha cominciato il lavoro anche un tavolo tecnico interministeriale incaricata di sviluppare nuove politiche, la quale ora presenta i primi risultati delle sue ricerche.

AVVIARE L’ESPORTAZIONE DI CANNABIS NEL MONDO. La commissione interministeriale, voluta dal ministro delle finanze, Moshe Kahlon, e da quello della sanità, Yaakov Litzman, ha raccomandato al governo di permettere alle aziende che producono cannabis terapeutica nello stato israeliano di avviare l’export in altre nazioni, calcolando che la misura potrebbe fruttare proventi di circa un miliardo di shekel annui (circa 236 milioni di euro). Il tavolo tecnico ha anche proposto che le autorizzazioni alla coltivazione rimangano, come ora, sotto lo stretto controllo del governo, senza liberalizzazioni.

METTERE A FRUTTO GLI INVESTIMENTI NELLA RICERCA. Attualmente sono otto i produttori autorizzati a produrre la cannabis per soddisfare le esigenze dei 30.000 pazienti che fanno uso di marijuana medica nel paese, realizzando infiorescenze, oli e prodotti commestibili. Ma sono decine quelli che hanno presentato domanda senza ottenere l’autorizzazione e che sperano di poter entrare nel mercato. Moshe Kahlon, il Ministero delle Finanze, ha dichiarato: «questa misura rafforzerebbe l’economia e l’agricoltura di Israele, permettendoci di sfruttare i risultati ottenuti dalla nostra ricerca in questo campo».

ISRAELE EPICENTRO MONDIALE DEL CANNABUSINESS. Da anni infatti Israele finanzia studi sulla cannabis terapeutica, ponendosi all’avanguardia mondiale. Ad aprile scorso il governo ha stanziato oltre due milioni di euro per finanziare 13 nuovi studi scientifici sulla cannabis in medicina e su nuove metodiche per ampliare la resa delle coltivazioni. Con l’obiettivo a lungo termine di sviluppare anche nuovi ceppi e nuove genetiche di cannabis. Mentre anche gli investimenti privati continuano a crescere identificando lo stato sionista come l’epicentro mondiale del business della cannabis medica.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button