Mentre in Italia approviamo leggi spandi veleni nei terreni in nome dell’emergenza, e si invitano personaggi di dubbio valore a negare i cambiamenti climatici in Senato, in Spagna, non lontano da noi, lanciano un programma per diventare 100% rinnovabile e per decarbonizzarsi. Hanno pensato a tutto, con ambizione, coraggio, lungimiranza, intelligenza. Un esempio per tutti.

Gli ultimi dati (relativi al 2014) già parlano di una Spagna che va al 42.8% di energia elettrica rinnovabile. Adesso vuole arrivare al 100% in 30 anni. I livelli di emissioni di CO2 sono programmati per calare del 90% rispetto al 1990, e nei prossimi 10 anni verranno generati 3 GW nuovi di energia elettrica solare ed eolica.

Saranno vietate tutte le nuove licenze petrolifere, di sfruttamento e di ricerca di idrocarburi con o senza fracking e il 20% del budget nazionale sarà utilizzato per misure che siano utili a contrastare i cambiamenti climatici. Il denaro destinato a tale scopo aumenterà a partire del 2025. Le automobili a benzina saranno vietate dal 2040.

Il programma spagnolo è stato ampiamente lodato in tutto il mondo: Christiana Figueres del panel delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici dice che è un eccellente esempio di una nazione che ha aderito e si è impegnata nel concreto dopo gli accordi di Parigi del 2015. Laurence Tubiana, che ha aiutato a scrivere i testi di Parigi, lo ritiene un programma rivoluzionario.

Si tratta di un piano con obiettivi a medio e lungo termine, ci sono incentivi, e si prevede transizione anche per il personale tecnico e per i lavoratori.

Ad esempio ci sarà un pacchetto da circa 300 milioni di euro per la chiusura di tutte le miniere di carbone nel paese, per incentivi, pre-pensionamenti, riqualificazione del personale e per la riqualifica ambientale. Cioè più energia green e più energia intelligente.

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy