Will è un reduce di guerra che vive con sua figlia tredicenne nel Parco nazionale dell’Oregon negli Stati Uniti. La foresta non è il luogo prescelto per una vacanza avventurosa, è la loro casa. Nascosti tra la vegetazione, dormono in una tenda e provvedono ai loro bisogni a stretto contatto con la natura riducendo la loro sussistenza alle basi. Quando hanno bisogno di cibo, fanno un viaggio fino alla vicina città di Portland e recuperano provviste. Tutto procede bene fino a quando un giorno il loro nascondiglio viene scoperto dalla polizia e loro vengono consegnati ai servizi sociali. Dopo aver dimostrato di essere sani e capaci di intendere e volere, vengono trasferiti in una piccola comunità rurale, dono viene loro assegnato un alloggio e un televisore che finisce dritto chiuso in un armadio. Mentre la ragazza inizia a frequentare la scuola e i suoi coetanei, il padre viene impiegato nella raccolta di alberi per Natale. Ma Will non è felice e trova il modo di tornare tra i boschi.

Dalla cifra assolutamente indipendente, come d’altronde la regista americana Debra Granick, “Senza lasciare traccia” è l’adattamento cinematografico del romanzo “My Abandonment” scritto da Peter Rock e ispirato alla storia vera di un padre che vuole scappare dalle regole e dalla conformità che la società impone, e di sua figlia che invece si trova a fare i conti con la voglia di farne parte.

La regista, candidata agli Oscar per “Un gelido inverno”, traccia così un affresco misterioso e magnetico di un’esistenza vissuta ai margini. Sulla scia di film come “Into The Wild” per la simbiosi tra uomo e natura, ma più severo rispetto a “Captain Fantastic” nel rifiuto del modello di sviluppo capitalistico, “Leave No Trace”, questo il titolo originale, ha il pregio di innescare una riflessione che non lascia indifferenti. Al cinema dall’8 novembre.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.