La corsa dei cavalli si tiene in due periodi: il primo verso l’11-12 luglio, anniversario della rivoluzione mongola del 1921, dove si celebra il Nadam: festival che richiama centinaia di migliaia di mongoli e turisti da tutto il mondo e raccoglie un’eredità culturale che, da Gengis Khan, arriva ai giorni nostri.

Il secondo periodo in cui si ripropone è prima di un matrimonio in segno di buon auspicio.

Il luogo dell’avventura è la steppa. Cavalli dappertutto: a destra, a sinistra, sulle pianure. È una sfida molto sentita soprattutto dalle famiglie che rimangono intorno agli altari a bere l’Airag, il latte fermentato di cavalla alcolico, mentre altri seguono la corsa, in sella alle loro moto o all’interno dei fuoristrada.

Per i piccoli cavallerizzi, di età compresa tra i 5 e i 10-12 anni, non è solo una specie di competizione ma una pura espressione di libertà oltre che l’onorevole rappresentazione di qualcuno che sta per vivere un momento importante come il matrimonio.

La distanza che devono affrontare è lunga al massimo 25 chilometri. Il tracciato, non essendo segnalato, risulta impervio e gli stessi bambini spesso perdono il controllo del proprio cavallo. Le lande della steppa regalano un autentico contesto naturale in cui correre insieme al cavallo, rendendo il tutto più incantevole. Questo porta il bambino a creare un legame indissolubile che difficilmente spezzerà nel corso degli anni.

Oltre ai festeggiamenti, i premi andranno ai primi cinque classificati della gara.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.