Sebbene l’attenzione verso l’alimentazione, sia dal punto di vista dell’impatto ambientale sia degli effetti diretti sulla nostra salute, appartenga ormai a una fascia crescente di popolazione con la conseguenza che, per fare giusto un esempio, più o meno tutti sappiamo quanto sia importante mangiare meno carne, in pochissimi sono a conoscenza che a stretto giro, un paio di anni al massimo, assisteremo a una vera e propria rivoluzione legata al cibo.

Nuovi alimenti e nuove tecniche per realizzarli stanno solo aspettando che la burocrazia sciolga alcuni nodi nella stesura dei protocolli prima di entrare in commercio e sorprendere il nostro palato. Il “clean food”, in pratica, è già realtà. Si tratta di cibo “pulito” in tutti i sensi: sano per gli umani, rispettoso dell’ambiente e degli animali. Si tratta, nel caso delle carni, di manzo, pollo e pesce coltivati, realizzati cioé in vitro, che mantengono le stesse proprietà, aspetto e sapore di quelle provenienti dagli allevamenti così come li abbiamo conosciuti finora.

Agnese Codignola, giornalista scientifica a cui non manca la capacità di avvincere il lettore capitolo dopo capitolo trasmettendogli la stessa curiosità che evidentemente la guida, ne “Il destino del cibo”, edito da Feltrinelli, racconta ciò che sta per accadere, di come ci siamo arrivati e del perché non dobbiamo temere di ampliare la nostra cultura culinaria, insetti inclusi.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.