Il CBD, cannabinoide di cui si continuano a scoprire e indagare le proprietà mediche e terapeutiche, è stato tolto dalle sostanze dopanti. Nella nuova lista che è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale non è infatti presente, come era stato previsto da un decreto emanato a giugno 2019.

La decisione fa seguito al fatto che era stata l’Agenzia Mondiale Antidoping ad escludere il CBD dalle sostanze proibite a partire dal primo gennaio 2019 e probabilmente è stata favorita dal fatto che sono sempre di più gli atleti che si affidano alle doti del CBD, ma anche della canapa alimentare, per rimanere in forma e recuperare meglio dopo gli sforzi fisici.

Poco dopo la UFC, la lega di arti marziali miste, aveva dichiarato di aver raggiunto un accordo con l’azienda canadese Aurora per svolgere ricerca clinica per studiare la relazione tra i prodotti a base di CBD e il benessere degli atleti.

Infatti sia negli USA che in Europa viene utilizzato dagli sportivi di diverse discipline soprattutto per le sue doti analgesiche e antinfiammatorie. Oltreoceano il cannabinoide è ormai presente in decine di prodotti da quelli alimentari alle bibite, passando per prodotti topici come creme e tinture, che possono essere spalmate localmente, fino ai più classici oli da ingerire.

In generale, se gli effetti del THC sono stati ampiamente provati dalla scienza, per il CBD c’è bisogno di maggiore ricerca, anche se i dati aneddotici sembrano supportare questa possibilità. A livello di ricerca scientifica c’è uno studio che racconta come una crema a base di CBD splmata sulle articolazioni dei ratti affetti da artrite potrebbe aiutare a curare il loro disturbo riducendo l’infiammazione. Un altro ha scoperto che il CBD potrebbe anche ridurre il dolore dell’osteoartrite. I ricercatori hanno dimostrato che i ratti erano in grado di sopportare più peso sugli arti affetti e avevano meno infiammazione nelle articolazioni dopo aver assunto il CBD.

Quindi rimane una possibilità aperta, che potrebbe ad esempio rimpiazzare gli oppiacei di cui fanno un largo uso i giocatori dell’NFL.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.