Il CBD contrasta gli effetti psicoattivi del THC. E’ una frase che si sente dire spesso, specie con la diffusione di ceppi di cannabis ad alto valore di CBD e basso di THC, che vengono utilizzati da chi non riesce a gestire gli effetti psicotropi della molecola scoperta più di 60 anni fa dal professor Mechoulam, da determinate categorie di pazienti o da chi vuole godersi il fiore della pianta di cannabis, senza l’high che ne deriva, magari durante il giorno e le attività lavorative.

Ma è proprio così? Non del tutto, guardando agli ultimi progressi scientifici che dicono una cosa: il CBD può effettivamente tenere sotto controllo l’effetto derivato dal THC, ma può anche potenziarlo.

Un gruppo di ricercatori australiani ha infatti scoperto che un’alta dose di CBD (400 mg) ha frenato gli effetti del THC (8 mg), ma anche che con una bassa dose di CBD (4 mg), si otteneva l’effetto opposto. E’ uno studio molto recente, che è stato pubblicato a gennaio 2019 su European archives of psychiatry and clinica neuroscience.

“Abbiamo condotto uno studio randomizzato controllato verso placebo per esaminare gli effetti acuti di questi composti da soli e in combinazione quando somministrati mediante vaporizzazione a consumatori di cannabis frequenti e rari”, spiegano infatti i ricercatori concludendo che: “Basse dosi di CBD combinate con il THC ne hanno aumentato l’effetto psicoattivo, mentre alte dosi di CBD hanno ridotto gli effetti del THC”.

Dunque le dosi sono importanti e non solo: ogni uomo è un mondo a sé, con un proprio sistema endocannbinoide che funziona in modo diverso da quello delle altre persone, quindi la dose ideale da assumere può essere differente, a seconda di molti parametri come peso, attività fisica, e l’abitudine o meno ad assumere cannabinoidi.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.