Il CBD contrasta gli effetti psicoattivi del THC. E’ una frase che si sente dire spesso, specie con la diffusione di ceppi di cannabis ad alto valore di CBD e basso di THC, che vengono utilizzati da chi non riesce a gestire gli effetti psicotropi della molecola scoperta più di 60 anni fa dal professor Mechoulam, da determinate categorie di pazienti o da chi vuole godersi il fiore della pianta di cannabis, senza l’high che ne deriva, magari durante il giorno e le attività lavorative.

Ma è proprio così? Non del tutto, guardando agli ultimi progressi scientifici che dicono una cosa: il CBD può effettivamente tenere sotto controllo l’effetto derivato dal THC, ma può anche potenziarlo.

Un gruppo di ricercatori australiani ha infatti scoperto che un’alta dose di CBD (400 mg) ha frenato gli effetti del THC (8 mg), ma anche che con una bassa dose di CBD (4 mg), si otteneva l’effetto opposto. E’ uno studio molto recente, che è stato pubblicato a gennaio 2019 su European archives of psychiatry and clinica neuroscience.

“Abbiamo condotto uno studio randomizzato controllato verso placebo per esaminare gli effetti acuti di questi composti da soli e in combinazione quando somministrati mediante vaporizzazione a consumatori di cannabis frequenti e rari”, spiegano infatti i ricercatori concludendo che: “Basse dosi di CBD combinate con il THC ne hanno aumentato l’effetto psicoattivo, mentre alte dosi di CBD hanno ridotto gli effetti del THC”.

Dunque le dosi sono importanti e non solo: ogni uomo è un mondo a sé, con un proprio sistema endocannbinoide che funziona in modo diverso da quello delle altre persone, quindi la dose ideale da assumere può essere differente, a seconda di molti parametri come peso, attività fisica, e l’abitudine o meno ad assumere cannabinoidi.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.