Il rapporto del medico legale dice che Daniela si è suicidata. Ma i canali femministi cileni stanno diffondendo un’altra versione.

Cosa è successo a Daniela Carrasco?

Daniela aveva 36 anni ed era un’artista di strada che operava soprattutto nel quartieri periferici di Santiago del Cile. Era conosciuta da tutti come ‘El Mimo‘. Era, perché Daniela è stata trovata impiccata.

Nelle scorse settimane, Daniela aveva preso parte alle proteste che da circa un mese infiammano il Cile, con violenti scontri tra i manifestanti contro il caro vita imposto dall’amministrazione del presidente Pinera, e la polizia. Sono tantissime le testimonianze che riportano estreme violenze da parte delle forze dell’ordine e le denunce contro il governo e i media, accusati di stare nascondendo al resto del mondo la realtà degli scontri.

Sebbene i rapporti del medico legale parlino di morte per soffocamento e l’ipotesi del suicidio è quella ufficialmente portata avanti dalla polizia, il collettivo femminista Ni Una Menos sostiene che Daniela – che è stata vista l’ultima volta lo scorso 19 ottobre, nel giorno in cui è scoppiata la protesta per il rincaro dei prezzi della metropolitana – sia stata rapita dai carabineros, violentata, torturata e in seguito uccisa.

Sui social gira questa versione che sta cominciando a prendere piede ma al momento il National Institute of Human Rights (Nhri) non ha ricevuto nessun reclamo formale.

Nei giorni immediatamente successivi alle proteste, molti canali femministi cileni avevano denunciato che la polizia stava effettuando violenze sessuali sulle donne catturate.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.