Secondo un’analisi dell’Institute for Economics and Peace (IEP), ripresa da un articolo del Guardian, circa 1,2 miliardi di persone provenienti da 31 paesi rischiano di dover abbandonare i propri luoghi d’origine nei prossimi 30 anni a causa degli effetti del cambiamento climatico. Questo provocherà un aumento delle migrazioni con impatti considerevoli sia per i paesi sviluppati che per quelli in via di sviluppo.

In tutto, su 157 paesi presi in esame, almeno 141 di questi dovranno affrontare una minaccia ecologica, come per esempio: insicurezza alimentare, scarsità d’acqua, disastri naturali, mancanza di aiuti per lo sviluppo. L’Africa subsahariana, l’Asia meridionale, il Medio Oriente e il Nord Africa sono le regioni esposte al maggior numero di minacce ambientali.

Nel 2040, un totale di 5,4 miliardi di persone (ossia più della metà della popolazione mondiale prevista) vivrà in uno dei 59 paesi con la più alta scarsità d’acqua. Paesi come l’India e la Cina saranno i più colpiti dalla siccità, mentre altri come Pakistan, Iran, Kenya, Mozambico e Madagascar dovranno affrontare una combinazione di minacce e una crescente incapacità di affrontarle. La difficoltà a sapersi adattare ai cambiamenti climatici sarà motivo di una maggiore insicurezza alimentare e potrà innescare una reazione a catena che porterà a disordini civili e migrazioni di massa, si legge nel rapporto.

Un dato allarmante messo in evidenza dall’analisi è che i 19 paesi che si troveranno ad affrontare il maggior numero di minacce, come la scarsità di acqua e cibo o una maggiore esposizione ai disastri naturali, sono anche tra i 40 paesi meno pacifici al mondo. E in molti di questi si prevede inoltre un aumento significativo della popolazione.

Le minacce ecologiche rappresentano una sfida importante alla pace globale. Nei prossimi 30 anni, la mancanza di accesso al cibo e all’acqua aumenterà inevitabilmente senza un’urgente cooperazione globale. In assenza di azioni concrete, probabilmente aumenteranno i disordini, le rivolte e i conflitti“, commenta Steve Killelea, fondatore dell’istituto.

L’analisi indica il Pakistan come paese con il maggior numero di persone a rischio di migrazione, seguito dall’Etiopia e dall’Iran, nei quali anche una piccola crisi ecologica potrebbe provocare sfollamenti di massa di popolazione.

Le regioni più ricche e sviluppate, in Europa e Nord America, si trovano in una situazione relativamente privilegiata da questo punto di vista, in quanto più preparate ad affrontare l’impatto di tali crisi, ma dovranno comunque misurarsi con il problema dell’immigrazione.

E molti Stati che ora si trovano in una situazione di stabilità, con l’evoluzione della crisi climatica, diventeranno più vulnerabili.

I fenomeni climatici estremi e le loro ripercussioni sulla popolazione mondiale (Fonte: LaStampa.it)

 

Fonte: ValigiaBlu





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.