Devono stare a 90 gradi”. Parole disumane intercettate dal telefono di un caporale di 78 anni, Giuseppe Abruzzese. Dovevano stare a 90 gradi i migranti africani e rumeni, gli unici disposti a stare chini sulle fragole 8 ore al giorno con un contratto di categoria che formalmente li impegnava per un massimo di 6 ore, proprio a causa della natura usurante di questa specifica raccolta.

Intorno alla raccolta nei campi c’è una vera e propria rete di delinquenza che fa business a partire dall’acqua che viene data ai braccianti: o di fogna, o di bottiglia, in tal caso, con prezzi da strozzinaggio, fino a 4 euro per mezzo litro.

Un’indagine congiunta tra la Guardia di Finanza di Matera e di Cosenza, perché i campi, i luoghi di lavoro, erano compresi tra Basilicata e Calabria, ha portato alla custodia cautelare di 52 persone tra carcere e domiciliari.

Durante un fermo, nella caserma della Tenenza di Montegiordano (Cs) Giuseppe Abruzzese, a dispetto della sua non più tenera età, avrebbe intimidito i lavoratori e cercato di inquinare prove e testimonianze. Braccio destro di Abruzzese, era Gennaro Aloe, promotore e organizzatore di una vera e propria “associazione a delinquere”, insieme a Enervate Seila e Aid Lhasaine Abdeljalil. Era Aloe a trattare con i datori di lavoro e a lui spettava la percentuale più alta di interesse.

Da questi venivano sottratti 5 euro per pagare il viaggio nei campi, a bordo di furgoni fatiscenti, e 3 euro per alloggiare nel ghetto fatto di lamiere. 20 euro al giorno, stando 8 ore, chini sulle fragole, a 90 gradi, come voleva il caporale. E c’è chi critica la mini regolarizzazione cui si è giunti dopo estenuanti trattative al governo a causa del no di una frangia del Movimento 5 stelle e delle polemiche innestate dalla Lega. Un dibattito pubblico dominato da fanatismoisteria e fake news, perché la regolarizzazione, qualcuno addirittura ha parlato di sanatoria, non è affatto una svolta epocale.

La regolarizzazione (o la possibilità di ottenere un permesso di soggiorno di 6 mesi), infatti, riguarda chi già lavora (emersione del nero) e chi ha “lavorato in passato” in settori ben determinati: agricoltura e attività connesse; assistenza alla persona, lavoro domestico. Braccianti, badanti e domestici, essenzialmente, a conferma dell’idea di immigrazione che ha questo Paese, a partire dal Governo: immigrazione sì, ma confinata in una precisa gabbia lavorativa, salariale. Possibilmente a 90 gradi. “Domani le scimmie le mandiamo lì”, dicevano.

Fonte: People for planet





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.