SES-19Dopo molte richieste la rubrica torna a parlare di vini nello specifico andremo a valutare uno dei più blasonati vini italiani, il Barolo. Abbiamo degustato (preferisco farlo in compagnia) un Barolo della cantina Pio Cesare del 2004 cantina fondata nel 1881; questo vino è arrivato sesto nella mega-classifica dei 100 migliori vini del 2008 di Wine Spector la rivista enologica quindicinale statunitense più venduta al mondo, con credibilità inversamente proporzionale alla diffusione, anche se una sua citazione fa aumentare le vendite e il prestigio di un vino nell’arco di pochi giorni. Ma le scelte sembrano molto inclini all’aspetto commerciale, quindi tra gli esperti di vino, soprattutto europei, c’è un giustificato scetticismo di fondo, come per le citazioni del signor Parker, l’uomo più influente al mondo per quanto riguarda l’aspetto commerciale dell’enologia.

Detto questo il vino in questione è risultato essere ottimo, molto equilibrato e profondo, anche se a mio giudizio si possono trovare dei Barolo 2004 di maggiore qualità allo stesso prezzo. Le uve usate per questo vino sono di Nebbiolo 100% proprio come il Barbaresco, ma crescendo in zone con caratteristiche micro climatiche e del sottosuolo abbastanza diverse, il Barolo e il Barbaresco hanno caratteri decisamente diversi. Ricordiamo che un vino si valuta attraverso l’esame visivo (limpidezza, colore, fluidità), olfattivo (intensità, persistenza, qualità e una descrizione dei sentori) e infine quello gustativo leggermente più complesso.

La degustazione del Barolo Pio Cesare 2004: all’esame visivo troviamo un vino limpido, di colore granato molto scuro tipico delle uve nebbiolo, con una fluidità consistente. All’olfattiva scopriamo un vino intenso, persistente e di qualità fine, vi si avvertono sentori floreali, come la violetta e prevalenza di frutta matura. Mi piace ricordare che l’esame olfattivo viene eseguito accostando il naso al bicchiere e inspirando con decisione, è inutile ripeterlo più di due volte perché non sentiremo più i profumi a causa degli alcoli che inibiscono le papille olfattive. All’analisi gustativa troviamo un vino caldo e morbido, intenso e persistente, il tutto è armonico, con una persistenza gustativa notevole con un finale pulito; abbastanza spesso nei vini di uve Nebbiolo (ma anche tutte le altre) si trovano dei tannini di bassa qualità, polverosi, derivanti dall’approccio sbagliato in cantina, mentre questo Barolo 2004 ha dei tannini di buona qualità che fanno il loro compito alla perfezione.

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.