Le emissioni di diossido di carbonio si sono alzate del 60% negli ultimi 25 anni, ma l’incremento delle emissioni dell’1% della popolazione più ricca è stata 3 volte più elevata dell’aumento delle emissioni della metà più povera.

Il report, redatto da Oxfam e dallo Stockholm Environment Institute, ha avvertito che il dilagante consumo eccessivo e la dipendenza della popolazione ricca del mondo dai trasporti ad alte emissioni di carbonio stanno esaurendo il “budget di carbonio” del mondo. Una tale concentrazione di emissioni di carbonio nelle mani dei ricchi significa che oltre a portare il mondo  sull’orlo della catastrofe ambientale bruciando i combustibili fossili, abbiamo anche fallito a migliorare la vita di miliardi di persone, ha affermato Tim Gore, direttore di Oxfam International.

Il budget globale di carbonio è stato sperperato per aumentare i consumi della popolazione già ricca, piuttosto che aiutare l’umanità” ha detto al Guardian, “possiamo immettere una quantità di carbonio limitata nell’atmosfera se vogliamo evitare gli impatti peggiori della crisi climatica. Dobbiamo assicurarci che quel carbonio sia usato al meglio.”

Lo studio ha dimostrato come il 10% della popolazione più ricca a livello globale, che comprende 630 milioni di persone, sono responsabili per circa il 52% delle emissioni globali negli ultimi 25 anni. A livello globale, il 10% della popolazione più ricca comprende quelle persone i cui introiti sono superiori all’incirca ai 35mila dollari l’anno (27 mila sterline), e l’1% dei più ricchi di quel gruppo guadagna più di 100 mila dollari l’anno.

Le emissioni del diossido di carbonio accumulate nell’atmosfera che causano il riscaldamento e l’aumento delle temperature superiore a 1,5 gradi rispetto ai livelli pre-industriali provocherebbe danni estesi ai sistemi naturali. L’accumulo dà al mondo un budget limitato di carbonio che è possibile produrre in modo sicuro, che gli scienziati avvertono potrebbe essere esaurito nel giro di un decennio allo stato attuale. Se lasciato incontrollato, nel prossimo decennio le emissioni di carbonio del 10% più ricco del mondo potrebbe essere sufficiente a innalzare i livelli oltre il punto in cui le temperature potrebbero alzarsi oltre 1,5 gradi, anche se tutto il resto del mondo riducesse a zero le emissioni immediatamente, secondo la ricerca.

Oxfam sostiene che continuare a permettere al mondo ricco di emettere molto più di quelli in condizione di povertà non è giusto. Mentre il mondo si sposta verso l’energia rinnovabile e supera i combustibili fossili, ogni emissione che continuerà ad essere necessario emettere durante la transizione dovrebbe essere usata nel tentativo di migliorare l’accesso alle dotazioni di base alle persone povere.

Il miglior obiettivo possibile per tutta l’umanità è di vivere una vita dignitosa, ma le emissioni di carbonio sono già state utilizzate dai ricchi affinché diventassero ancora più ricchi.” ha detto Gore.

Ha sottolineato come i trasporti siano uno dei principali driver di crescita delle emissioni e che le persone nei paesi ricchi dimostrano una tendenza in crescita all’utilizzo di macchine ad alte emissioni, come i SUV, e all’utilizzo dei voli. Oxfam richiede maggiori tasse sui lussi ad alte emissioni, come una tassa su persone che utilizzano spesso i voli, così come investimento nelle alternative a basse emissioni e nel miglioramento delle condizioni dei più poveri.

Qui non si tratta di persone che fanno vacanze una volta all’anno, ma di persone che prendono voli a lungo raggio ogni mese – è un gruppo di persone piuttosto ristretto”.

Mentre la crisi da coronavirus ha causato una temporanea diminuzione delle emissioni, l’impatto complessivo sul budget di carbonio sarà probabilmente trascurabile, secondo Gore, dato che le emissioni sono riprese con la fine dei lockdown nel mondo. Comunque l’esperienza ella pandemia dovrebbe rendere le persone più consapevoli del fatto che devono cercare di evitare future catastrofi, ha affermato.

Fonte: Extinction Rebellion Italia





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.