American Legion, la più grande organizzazione di veterani americani, ha scritto una lettera al presidente in carica Trump per chiedere lo spostamento della cannabis dalla Schedule I, per permettere la libera ricerca in ambito medico, auspicando anche un incontro con il presidente per poterne discutere i punti critici.

Nonostante sempre più stati negli USA abbiano legalizzato la cannabis in ambito medico e/o ludico, la legge federale la classifica ancora nella Schedule I, ovvero la tabella legislativa che identifica le sostanze che creano dipendenza e per cui non è riconosciuto alcun uso medico. Tra le sostanze proibite troviamo LSD, ecstasy ed eroina, per citarne alcune.

L’intento dell’American Legion non è quello di spingere per la legalizzazione, ma affinché non venga ostacolata la possibilità di studio ed utilizzo terapeutico. Il concetto è quello di avere la possibilità di una vita dignitosa, il più possibile lontano dal dolore, sia esso fisico o psicologico, senza dover sottostare ai cavilli burocratici o ai movimenti politici al potere. Chiedono che la cannabis venga ricatalogata per permettere il suo studio scientifico, a fronte di diverse testimonianze di veterani che hanno trovato nella marijuana un conforto dal dolore.

I veterani di guerra soffrono spesso di lesioni traumatiche cerebrali (TBI) e di disturbi da stress post-traumatico (PTSD), che possono portare in alcuni casi fino al suicidio. Per dare sollievo si è spesso ricorso agli oppiacei, che però generano una serie di controindicazioni allarmanti, fino all’overdose.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.