Cronache da dietro il cancello

I tanti volti della violenza dietro le sbarre

I tanti volti della violenza dietro le sbarre

Rieccomi, dopo un breve periodo di “latitanza” qui, oltre il cancello, da dove cercheremo di capire cosa significa la violenza vissuta da questa prospettiva.

Tanto per cominciare voglio sfatare il luogo comune, spesso sottaciuto ma implicitamente presente nelle conversazioni sull’argomento, che vuole tutti coloro che varcano le porte del carcere come destinati a rivedere le proprie preferenze sessuali. Non è così ed è oltretutto offensivo e mortificante che un concetto del genere sia ancora così radicato nell’immaginario collettivo. È tremendamente banale sottolineare che l’impossibilità di incontrare nell’intimità persone del sesso opposto, non sviluppa, in chi già non le ha di suo, tendenze omosessuali. 

Ciò premesso, per chi non ha fatto esperienza del carcere, può non essere immediato realizzare che nella maggior parte dei casi, in un contesto simile, la sessualità viene annullata dalle condizioni ambientali e quando non è così è quasi un miracolo. In altri paesi europei i detenuti hanno diritto a incontrare saltuariamente la propria moglie o la propria fidanzata, ma non qui. Qui la masturbazione stessa è “bloccata” perché i reclusi non godono mai della necessaria privacy salvo poter contare sulla “complicità” del proprio, o dei propri concellini, che può regalare, per quei pochi minuti che il regolamento consente, un po’ di solitudine al gabinetto. Ma le guardie sono onnipresenti. Così può capitare che sul più bello si apra lo spioncino del bagno sul lato corridoio e che qualche agente intimi: “Che cazzo stai facendo?”, accompagnato di solito da una sonora risata. Non bisogna essere dei mostri di empatia per capire che già qui siamo di fronte a una non trascurabile forma di violenza. 

Personalmente non ho mai visto né sentito di episodi di violenza sessuale da parte di un detenuto su un altro recluso, mentre, com’è normale che sia in luoghi sovraffollati ed “estremi”, gli scontri tra detenuti, sia a livello personale che di gruppo, sono reali e frequenti. Normalmente i “conti” si regolano nelle docce, che in sezioni normali, sono luogo di incontro tra detenuti che albergano in celle diverse. Ci si incontra anche nell’ora d’aria in cortile, ma lì la sorveglianza è più stretta.

I motivi per cui ci si può picchiare sono diversi: dall’incompatibilità di carattere, contestualizzata nella convivenza forzata che la detenzione impone, a vecchie ruggini ereditate dal passato, fino ad arrivare a incontrare in carcere il proprio “infame”, cioè colui che ti ha mandato in carcere con le proprie dichiarazioni. Le “armi” che vengono utilizzate sono ricavate da oggetti di uso quotidiano, opportunamente modificati: la lametta usa e getta, pazientemente asportata dal rasoio bic e montata sul manico di uno spazzolino da denti, le scatolette di tonno che gli agenti non ritirano (raramente si riesce a tenerle) e la semplice lametta da barba tenuta tra le dita della mano col palmo aperto, con cui lasciare sfregi sulla faccia del nemico.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.