High timesIn evidenza

I talebani annunciano un contratto per produrre cannabis ed esportarla legalmente

I talebani annunciano un contratto per produrre cannabis ed esportarla legalmente

Il Ministero degli Affari Interni dei talebani ha twittato nei giorni scorsi scrivendo che una società chiamata Cpharm aveva stretto un accordo con il regime per costruire un “impianto di lavorazione dell’hashish” da 450 milioni di dollari nel paese. Una sorta di coltivazione di cannabis legalizzata per produrre medicinali e creare posti di lavoro.

Talebani e cannabis legale: accordo vero o bufala?

Più tardi una testata locale aveva diffuso la notizia identificando la Cpharm come un’azienda australiana, e da lì la stampa internazionale, con testate importanti come il Times o Al Arabybia, l’ha diffusa. All’insaputa dell’azienda stessa che, poco tempo dopo, ha inviato un comunicato per smentire l’accordo sottolineando che non avevano niente a che fare con questa operazione.

A questo punto esce un articolo di Forbes che sottolinea il cortocircuito informativo che si è generato e derubricando l’iniziativa afghana come una “trollata” all’occidente.

Poco dopo il nuovo colpo di scena: Qari Saeed Khosty, un portavoce dei talebani, ha fatto un nuovo tweet per chiarire l’equivoco e spiegare che l’accordo era sì con una società chiamata CPharm, che però sarebbe di ordine tedesca (probabilmente questa). E c’è da tenere in considerazione il fatto che il nuovo governo della Germania, ha da poco annunciato di voler procedere con la legalizzazione.

Un impianto per la cannabis in Afghanistan in collaborazione con la Germania

Khosty ha spiegato che “la compagnia vuole costruire un impianto di lavorazione della cannabis in Afghanistan, che creerà tutti i prodotti di cannabis”, riferisce Marijuana Moment. “Stabilendo questa fabbrica, la Cpharm Company userà la cannabis prodotta in Afghanistan per fare prodotti e una crema”. Ha poi specificato che: “In Afghanistan, solo questa compagnia avrà un contratto legale”, prima di aggiungere che il contratto “creerà posti di lavoro per molti cittadini”.

Insomma, si tratterebbe di un accordo quantomeno insolito, vista la posizione isolata del regime a livello internazionale e visto anche il trattamento durissimo che i talebani hanno riservato a chi fa uso di stupefacenti.

Poco dopo che i talebani hanno preso il controllo dell’Afghanistan, l’Associated Press ha riferito di raid clandestini in cui i consumatori di droga venivano minacciati di violenza se non accettavano di entrare in terapia. I talebani avevano anche ufficialmente vietato la produzione di oppio prima dell’invasione militare americana del 2001, che sarebbe però ripresa.

Riguardo la cannabis, Al Arabiya ha spiegato che la pianta serviva come una grande fonte di reddito per gli insorti talebani durante l’occupazione statunitense. Ora sembra che vedano di nuovo delle opportunità economiche, ma attraverso un mercato più professionale e regolamentato.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button