La quantità di cannabis prodotta in autonomia dai pazienti canadesi nelle proprie coltivazioni è in costante crescita. Ad affermarlo sono i dati diffusi dal dall’agenzia governativa Health Canada, secondo i quali la produzione giornaliera concessa dai professionisti sanitari ai propri pazienti è salita dai 25.2 grammi dell’ottobre 2018 ai 36.2 grammi del marzo 2020.

Allo stesso tempo, però, i dati mostrano un andamento ben diverso per quanto riguarda la compravendita legalizzata. Gli acquisti effettuati dai pazienti registrati, che possono quindi comprare cannabis da produttori certificati e dai venditori autorizzati a livello federale, si aggirano infatti in media tra i 2 e i 2.1 grammi al mese, un valore che è rimasto costante nel tempo.

Canada e cannabis: cosa dice la legge
La scelta di analizzare i dati a partire dall’ottobre del 2018 non è casuale. Risale infatti al 17 ottobre 2018 il Cannabis Act, la legge nazionale che ha legalizzato e regolamentato la cannabis rendendo il Canada il secondo Paese a livello globale (e il primo tra quelli del G7 e del G20) a legalizzare completamente la marijuana.

La legge, nata dopo tre anni di dibattiti e anticipata dalla legalizzazione della cannabis per uso terapeutico nel lontano 2001, è nata per volere del Primo Ministro Justin Trudeau, deciso a difendere in particolare i minori e a combattere il traffico illegale, sottraendo enormi proventi agli attori criminali coinvolti. Si stimava, infatti, che il mercato canadese illegale della cannabis nel 2017 avesse superato i 3 miliardi di dollari, pari al valore di quello della birra e superiore a quello del tabacco.

Il Cannabis Act
Il Cannabis Act è dettagliato sia per quanto riguarda l’acquisto che per quanto riguarda la vendita e permette ai cittadini maggiorenni di coltivare fino a 4 piante per abitazione, purché nate da semi e germogli acquistati da rivenditori autorizzati. La coltivazione domestica è attualmente proibita solo nelle province del Québec e del Manitoba.

Anche se nei luoghi pubblici è consentito il possesso di cannabis in quantità non superiori ai 30 grammi, non esiste alcun limite per quanto riguarda la produzione e l’assunzione all’interno delle mura domestiche.

I pazienti canadesi e le coltivazioni della cannabis
Senza alcun limite concreto alle coltivazioni domestiche di cannabis, quindi, i pazienti canadesi vengono autorizzati dalle autorità statali e dai professionisti sanitari a coltivare in maniera indipendente le quantità di cui hanno bisogno, purché derivanti, come prevede la legge, da un massimo di 4 piante per abitazione.

Ma da dove derivano, quindi, le preoccupazioni sollevate da Health Canada? Secondo i dati più recenti raccolti da Health Canada, a livello nazionale 43.211 individui sono stati autorizzati alla coltivazione domestica per un uso terapeutico personale, ma le stesse analisi hanno evidenziato un numero ben più alto, pari a 377.024, di pazienti registrati e autorizzati ai trattamenti con marijuana. A livello di autocoltivazione bisogna sottolineare che nell’estate del 2017 i pazienti autorizzati ad auto-produrre cannabis erano poco più di 10mila e in meno di 4 anni sono quindi più che quadruplicati.

Alla luce dei dati raccolti, quindi, l’agenzia governativa teme che le sempre più elevate quantità giornaliere autorizzate dai professionisti sanitari stiano, in alcuni casi, portando a un abuso delle libertà concesse e stiano alimentando un commercio non del tutto legale e dedicato non solo all’uso terapeutico, ma anche ricreativo. Queste preoccupazioni, però, si basano solamente su ipotesi e attualmente il governo canadese non ha messo in atto nessun provvedimento, mantenendo di fatto inalterata la situazione.

I pazienti canadesi, sempre seguiti da professionisti del settore e dai propri medici, quindi, potranno continuare a coltivare autonomamente la propria cannabis per scopo terapeutico: una decisione umana che garantisce e tutela i diritti di ogni malato.

Martina Sgorlon
Fonte: cannabisterapeutica.info





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.