Il post della notizia pubblicata sui social network da “Leggo”

“Il figlio muore per abuso di cannabis, la madre: Non è più sicura dell’ecstasy”. Con questo titolo roboante il quotidiano Leggo ha pubblicato la notizia di un ragazzo di 36 anni, deceduto nei giorni scorsi nella contea di Dorset, in Inghilterra.

Secondo ogni studio scientifico prodotto è del tutto impossibile morire per overdose di cannabis. Quindi come ha fatto a riuscirci questo giovane inglese? Semplice: la causa di morte riportata nel titolo del giornale è del tutto falsa. Basta aprire l’articolo e leggere le prime righe per rendersi conto della completa disonestà intellettuale con la quale è stato scritto:

“Jamese Hamilton di Dorset, è morto a 36 anni a causa di un cancro ai testicoli, dopo che la sua psicosi verso i farmaci gli ha fatto rifiutare la chemioterapia”. Non è morto quindi per abuso di cannabis, ma per un cancro. Proseguendo nella lettura, si apprende che, in un crescendo di congetture: la morte dell’uomo sarebbe stata causata dal suo rifiuto della chemioterapia, a sua volta alimentata dalla schizofrenia della quale soffriva da tempo. E qui poi si arriva alla cannabis: in quanto la schizofrenia viene additata proprio al consumo di cannabis, che l’avrebbe causata.

Anche prendendo per buono tutto il caso – e pare difficile, perché la cannabis non causa neppure la schizofrenia, ma al massimo qualche stato paranoico transitorio – la causa di morte è da ricercare evidentemente nella malattia che lo ha colpito, ed eventualmente nel suo rifiuto delle cure. Tuttavia chi si è fermato al titolo della notizia – ovvero la maggioranza degli utenti che lo hanno visto su un social network – oggi crede che ci sia stato un morto per “abuso di cannabis”.

L’ennesima fake news che colpisce la canapa. Ancora una volta proveniente non da un blog o da un sito indipendente, ma da una testata giornalistica registrata, che in teoria al suo interno dovrebbe avere una redazione composta di giornalisti capaci di verificare una notizia.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.