IMG4

Anche davanti a quella che appare una sfida impossibile, i fans, gli amici e le persone care, provano nuovamente a cambiare il destino di Buju Banton, per evitare che i prossimi dieci anni della sua, non li passi in una prigione statunitense. Una manifestazione di effetto e di lealtà quella mostrata dai fans, che non conosce precedenti e che dimostra come nonostante tutto la musica dell’artista sia entrata così profondamente nei loro cuori.

E così eccoli di nuovo in campo per lanciare una nuova campagna di sensibilizzazione, alla vigilia di un ulteriore processo che si celebrerà a Tampa e che potrebbe aumentare di ben cinque anni la condanna della star del reggae e della dancehall. La nuova campagna punta in alto e ha come interlocutore direttamente la Casa Bianca, visto che si invitano almeno 50.000 persone a scrivere direttamente al presidente Barack Obama per chiedere la liberazione del detenuto. I motivi che portano a questa nuova iniziativa sono sostanzialmente gli stessi.

Nel comunicato di lancio si parla infatti di condanna ingiusta, visto che essa si basa solo ed esclusivamente sulle dichiarazioni di un pentito che da tempo lavora con il governo americano. In effetti l’intera vicenda, che ormai seguo da tempo, ha sempre avuto molti lati oscuri e l’accanimento della giustizia americana è sembrato per certi aspetti eccessivo.

fonte: misterbigga.wordpress.com

a cura di T-Action





Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.