img4

La “green economy” avrebbe un impatto più positivo sui problemi economici, sociali e ambientali rispetto all’economia tradizionale. Il giudizio arriva da due recenti sondaggi globali condotti in collaborazione con il programma ONU per l’ambiente (UNEP) su 17.000 consumatori in 17 paesi e 1.600 esperti di sviluppo sostenibile dal mondo delle imprese, dell’università, dei governi e della società civile in 117 stati nel mondo.

I sondaggi, condotti in collaborazione con l’UNEP, hanno rivelato che i consumatori sostengono l’economia verde su tutti i fronti:
– il 70% per la protezione dell’ambiente;
– il 68% perché crea un futuro migliore per i propri figli;
– il 61% perché migliora la qualità della vita;
– un altro 61% perché affronta il problema dei cambiamenti climatici.

Inoltre, gli intervistati sanno di cosa stanno parlando: il 17% afferma di conoscere “esattamente” il significato di “green economy” e un altro 53% si dichiara “abbastanza sicuro” di sapere di cosa si tratta. I consumatori nei paesi con un basso Pil pro capite tendono ad essere più ottimisti di quelli dei paesi ricchi, specialmente quando si parla di miglioramento della qualità della vita (70%), aumento della crescita economica di lungo periodo (58%), riduzione della povertà (44%) e creazione di posti di lavoro ben pagati (43%).

Le élite di esperti sono stati ancora più positivi dei consumatori, tranne per quanto riguarda il rilancio della crescita economica a breve termine, per la quale si aspettano meno risultati immediati.
“E’ chiaro che la trasformazione verso un’economia verde – ha detto il direttore dell’Unep, Achim Steiner – a basso contenuto di carbonio, che usa le risorse in maniera efficiente e crea posti di lavoro, sta già avvenendo in diversi paesi nel mondo e questo sondaggio sottolinea il pubblico sostegno a questi scopi. La sfida dei leader mondiali, città, aziende e società civile è di appoggiare politiche intelligenti e investimenti che possano accelerare e aumentare questo cambiamento positivo”.

fonte: World Wide (Wild) Web





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.