CannabisHigh timesnarcotraffico

I coltivatori messicani non sanno più a chi vendere la loro marijuana

marijuana messicoPer decenni i governi di Stati Uniti e Messico ci avevano provato in tutti i modi: bombardando le coltivazioni con erbicidi, inviando l’esercito a sradicare i raccolti pianta per pianta, pagando i contadini per convertirsi alle coltivazioni legali. Sempre senza alcun risultato apprezzabile. Ora i dati sulla produzione messicana di marijuana confermano ciò che i movimenti antiproibizionisti hanno sostenuto inascoltati negli ultimi 50 anni: è la legalizzazione l’unica arma per sconfiggere il narcotraffico.

PREZZO CROLLATO IN SOLI QUATTRO ANNI. La progressiva legalizzazione in atto negli Usa sta infatti affossando le coltivazioni di cannabis in Messico. Secondo un articolo del Los Angeles Times, oggi solo 1/3 della cannabis che circola negli Usa è di provenienza messicana, contro gli oltre 2/3 di pochi anni fa. Significa che l’importazione di cannabis illegale è diminuita di oltre il 50%, con il risultato che il prezzo della marijuana messicana è crollato: da circa 100 dollari al chilogrammo di quattro anni fa ai 30 odierni.

LA COLTIVAZIONE CONTINUA PER MANCANZA DI ALTERNATIVE. Per ora la produzione in termini quantitativi non è diminuita proporzionalmente, anche perché, spiega il quotidiano americano, “anche se coltivare marijuana non è più considerato un buon affare i contadini messicani non hanno ancora trovato alternative migliori”. E quindi il costo continua a calare, e la marijuana messicana varca il confine Usa solo per essere spacciata a basso prezzo nelle zone più povere della nazione, dove la cannabis di produzione legale è ancora troppo costosa per essere acquistabile da tutti.

VERSO LA FINE DELL’ESPORTAZIONE VERSO GLI USA? Se questi sono i risultati conseguiti dalla legalizzazione di soli 5 stati Usa, più ormai una ventina di altri stati che ne consentono la prescrizione medica (spesso così semplice da ottenere da rappresentare una legalizzazione totale mascherata), non è difficile immaginare che quando un domani la legalizzazione della cannabis sarà una realtà più consolidata la produzione messicana diventerà completamente superflua e destinata a scomparire, quantomeno per quanto riguarda la sua fetta più grossa: quella destinata all’esportazione verso il nord.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button