E’ stato uno studio che ha scatenato scalpore in tutto il mondo, riportato in Italia con titoloni enormi e sensazionalistici in cui si sosteneva che l’uso di cannabis triplica la possibilità di morte a causa dell’ipertensione.

Cosa che avviene puntualmente per qualsiasi studio scientifico che preannunci un qualche effetto negativo della cannabis, ma quasi mai quando varrebbe la pena di sottolinearne la valenza terapeutica e gli scarsi effetti collaterali se paragonata a decine e decine di farmaci attualmente in commercio.

Noi di Dolce Vita, (probabilmente gli unici in tutto il panorama dei media italiani di cui spesso ci vergogniamo di far parte), ci eravamo presi la briga di leggerlo per bene, per poi pubblicare un articolo con diversi studi scientifici che cercano di fare chiarezza sul possibile collegamento tra ipertensione ed uso di cannabis. Il motivo è semplice: il punto di partenza della ricerca molto chiacchierata e poco approfondita dall’informazione italiana è che si tratta di uno studio retrospettivo in cui sono stati considerati come consumatori abituali di cannabis anche i pazienti che avevo affermato di aver fumato cannabis una sola volta nella vita. Considerazione che quindi dà un’idea distorta del campione di analisi e rende quindi impossibile fare una correlazione con l’uso di cannabis. Non solo: nelle conclusioni stesse dello studio, che si posso leggere qui, gli autori scrivono semplicemente che: “Dai nostri risultati l’uso di cannabis potrebbe aumentare il rischio di morte per ipertensione” e che “l’uso di cannabis ricreativa può avere effetti dannosi sul sistema cardiovascolare e richiede maggiori studi in proposito”.

Oggi è addirittura l’associazione dei cardiologi americani, la American Heart Association, che in una dichiarazione rilasciata dal loro portavoce, il dottor Dr Willie Lawrence, ha detto che: “Lo studio è fallace e che l’unica cosa di valore al suo interno è la provocazione“. Non solo, ha poi precisato che: “E’ difficile da credere che abbiano aggiunto qualcosa alle nostre conoscenze in materia, a parte suggerire che potrebbe esserci un aumento della mortalità, e che la mortalità è collegata all’ipertensione”, aggiungendo che “Questo studio ha troppi problemi per poter sostenere la correlazione con l’uso di cannabis“.

Lo IACM, associazione internazionale per la cannabis medica ha dato la notizia spiegando che lo studio non ha provato la correlazione tra l’uso di cannabis e la morte per infarto o problemi al cuore, e che non ha dato nessuna prova a sostegno della tesi che la cannabis possa causare la morte per ipertensione.

 





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.