Il Cammino dei Briganti

Durata: 7 giorni/6 notti
Difficoltà: facile
Ore di cammino (al giorno): 5-6

Il Cammino dei Briganti è un cammino ideale, adatto a tutte le stagioni, attraverso aree selvagge come poche. Percorre l’antica linea di confine tra Stato Pontificio e Regno delle Due Sicilie, seguendo le orme dei fuorilegge che dominavano la zona a cavallo tra la Marsica in Abruzzo e il Cicolano nel Lazio. I briganti non erano malviventi, piuttosto spiriti liberi che lottavano contro l’invasione dei Sabaudi, i nuovi padroni arrivati dal nord che avevano decuplicato le tasse a persone che già soffrivano la fame e imposto l’obbligo della leva a persone che non potevano affrancarsi dal bisogno di lavorare la terra. Entrare in clandestinità, se si aveva acume, era l’unica via che rimaneva possibile. Ma la storia dei briganti è fatta anche di rapimenti, riscatti, violenza e soprusi, subìti o perpetrati. Una storia di “margine” adesso in fase di riscoperta così come i piccolissimi borghi che il cammino attraversa.

Valore aggiunto:
l’incontro con le persone del posto (pastori, contadini, anziani) che sono molto ospitali e raccontano storie antiche.

Il Sentiero dell’Inglese in Aspromonte

Durata: 8 giorni/7 notti
Difficoltà: facile
Ore di cammino (al giorno): 5-6

Si tratta di un cammino con zaino leggero nel Sud della penisola italiana e nel Parco nazionale dell’Aspromonte, tra il Mar Tirreno e il Mar Jonio, di fronte allo scenario dello stretto di Messina e all’imponente cono vulcanico dell’Etna. Sulle orme del viaggiatore inglese Edward Lear, che nel 1847 percorse a piedi la Calabria accompagnato da una guida e da un asino, si alternano borghi e sentieri immersi nella natura unica delle fiumare e dei “giardini” di bergamotti. Un Aspromonte diverso da quello descritto dalle cronache, con la sua gente che oggi insiste per ricercare e credere nuovamente nelle proprie origini. Un patrimonio inesauribile che coniuga natura e cultura.

Valore aggiunto:
la scoperta di zone sconosciute e sorprendenti, con paesi ospitali dove si parla ancora la lingua di Omero e che conserva usi e tradizioni secolari oltre all’ottima cucina.

Via Francigena (tratto toscano)

Durata: 8 giorni/7 notti
Difficoltà: facile
Ore di cammino (al giorno): 5–6

È un paesaggio tra i più belli del paese quello che si presenta alle porte meridionali di Siena: filari di cipressi delimitano poderi e fiancheggiano strade bianche, campi di grano a perdita d’occhio, antichi casali in cima alle colline. Al confine tra i possedimenti senesi e quelli dello Stato della Chiesa, nel Medioevo la val d’Orcia era terra poco popolata e anche infestata da briganti. Finito il tempo dei briganti, questo tratto della via Francigena è tra le mete internazionali più famose, per gli altissimi valori del suo paesaggio.

Valore aggiunto:
la possibilità di vivere il cammino come evento collettivo, con tanti pellegrini da tutto il mondo.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.