Come ogni anno l’Environmental Working Group, un’importante organizzazione
statunitense di tutela dell’ambiente, ha pubblicato la lista della sporca dozzina. Così viene definito l’elenco degli alimenti (frutta e verdura) in cui la percentuale di pesticidi residui è risultata più elevata e dunque sconsigliabile – seppur il livello di rischio è minimo – per l’uomo.

Da anni la EWG ricorda che, ad esempio, le fragole sono condite da residui di numerose sostanze chimiche come fungicidi e insetticidi, la cui tossicità potenziale è nascosta dietro nomi commerciali come bifentrin, boscalid, captano, cipronidil, fenexamide, fludioxonil, malatione, miclobutanil, pyraclostrobin e pirimetanil.

Nel report del 2019, che si riferisce esclusivamente agli Stati Uniti d’America, viene precisato che prima del test tutti i prodotti sono stati lavati e sbucciati, come farebbe qualsiasi persona  intenta in cucina, una dimostrazione che il semplice lavaggio non basta per eliminare tutti i pesticidi.

L’utilità di questa lista non è quella di spingere gli americani a eliminare dalla propria dieta determinata frutta e verdura – cosa che arrecherebbe un danno alla salute di sicuro maggiore -, ma che è possibile rivolgersi a un’alternativa più sana, preferire cioè la provenienza biologica per le categorie risultate tra le più contaminate.

La sorpresa di quest’anno è stato trovare nella lista il cavolo riccio, in inglese Kale, un alimento noto e molto in voga negli States per le sue proprietà antiossidanti, anti-tumorali e antinfiammatorie. Il kale, presente anche nei nostri mercati locali, da non confondersi con il tanto più consumato cavolo nero toscano, in cucina viene usato in particolare per minestre e zuppe. Il pesticida rilevato più frequentemente, rinvenuto su quasi il 60% dei campioni di questo tipo di cavolo, è Dacthal, o DCPA, classificato dall’agenzia di protezione ambientale dal 1995 come possibile cancerogeno per l’uomo e il cui uso è vietato in Europa dal 2009.

A seguire la sporca dozzina del 2019:

  1. Fragole
  2. Spinaci
  3. Kale
  4. Nettarine
  5. Mele
  6. Uva
  7. Pesche
  8. Ciliege
  9. Pere
  10. Pomodori
  11. Sedano
  12. Patate

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy