Birra corner

Hops in black

Hops-blackQuando ho iniziato a bere birra, ero inspiegabilmente più propenso a bere birre chiare e ambrate, mentre nutrivo qualche resistenza per le stout e le porter. E devo dire che noto una certa propensione anche nei miei clienti neofiti che, quando mi chiedono una birra scura, la vogliono non-amara o proprio dolce. In quei casi li butto su una donker o una dubbel e risolvo la questione con alcool e malto ma credo che nella vita bisogna osare, e li spingo a bere scure amare. Personalmente adoro le Black IPA, ossia quello strano stile nato da qualche anno, che vede nello stesso bicchiere la luppolatura di una IPA e la tostatura di una Stout.

Capisco che a parole può sembrare un abbinamento impossibile, ma bere una birra densa, con una base di caffè e cioccolato, che alla fine mostra evidenti segni di resina e agrumi, è fantastico. Se ci pensate, quando mangiate le bucce di agrumi ricoperte di cioccolato è la stessa cosa, solo che in questo caso l’amaro dell’agrume è molto più astringente.

Tra quelle che ho gustato ultimamente, direi che meritano la menzione (e la minzione), la Black Betty di Beavertown, la Noir di Monkey Beer (beer firm ferrarese in procinto di aprire il suo birrificio), la Sort Kaffe di Mikkeller (che presenta caffè da moka nel mosto) e la Raven di Thornbridge. In qualche caso l’amaro dato dal luppolo è tale da sovrastare il tostato del caffè, specialmente se bevute fresche (intendo uscite da poco dal birrificio), ma in generale deve esserci un birraio bravo dietro una buona Black IPA: non è facile equilibrare queste materie così saporite.

Michele Privitera
Titolare de “Il Pretesto Beershop” di Bologna





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.