Quando si tratta di raccogliere cannabis, il tempismo è tutto. Se raccogli le tue piante troppo presto, saranno immature con ghiandole di resina sottosviluppate contenenti meno degli oli essenziali che danno alla cannabis i suoi tipici aromi, il suo profumo e la sua potenza. Taglia troppo tardi e il THC si sarà degradato e convertito in CBN, dando un effetto più letargico.
Un errore comune tra i neofiti è proprio quello di trascurare questo aspetto dell’autoproduzione fondamentale tanto quanto la corretta pulizia delle cime.

MITI DI RACCOLTA
Spesso capita che un’azienda di semi afferma che il loro prodotto matura in 60 giorni, ma questa non è quasi mai una data esatta per il raccolto. Alcune aziende abbassano i tempi di fioritura nel tentativo di convincerti ad acquistare i loro semi, una semplice ma efficace strategia di marketing.
È inoltre necessario tenere conto dei tempi di inattività che le piante impiegano per recuperare lo stress causato dal trapianto o da altri fattori aggravanti. A volte questo può aggiungere settimane alla fase di fioritura e spingere significativamente avanti il tempo di raccolta.

Anche la quantità o la percentuale di peli rossi non è un modo accurato per giudicare il momento giusto per raccogliere le piante. È vero che questi pistilli ricolmi di resina si scuriscono dal bianco all’arancio e poi al rosso quando le gemme maturano, ma è solo un indicatore del fatto che il raccolto si avvicina e non è il miglior fattore determinante per stabilire quando si può procedere all’essicazione.

Devi ingrandire! La cosa migliore che puoi fare è procurarti un dispositivo di ingrandimento come una lente o un microscopio che ti aiuti a dare uno sguardo più da vicino ai tricomi reali sulle tue gemme. Talvolta definiti “cristalli”, i tricomi sono in realtà delle ghiandole riempite con oli essenziali costituiti da cannabinoidi, come THC, CBD e CBN, nonché flavonoidi e terpeni. Sembrano un po’ piccoli funghi di vetro trasparente con un gambo e una testa bulbosa. Sono queste teste della ghiandola che vengono separate e premute insieme per produrre l’hashish.

All’avvicinarsi della raccolta, le teste delle ghiandole passeranno dal bianco chiaro al giallo sabbia ed infine diventeranno color ambra man mano che inizieranno ad andare oltre la maturazione. Se raccogli quando la maggior parte delle ghiandole sono ancora limpide, otterrai un high più edificante. Se aspetti che la maggior parte sia di color ambra, gli effetti saranno più letargici. Si tratta davvero di preferenze personali, ma la maggior parte delle persone preferisce raccogliere quando i livelli di THC sono al loro apice senza lasciare che degradino.

Nota: alcuni produttori di concentrati amano raccogliere le proprie piante un po’ prima per ottenere un prodotto più chiaro, che è più desiderabile per il mercato. Poiché i terpeni iniziano a degradarsi mentre la pianta continua a maturare, questi produttori di hashish/wax/BHO sono disposti a sacrificare una piccola percentuale di potenza per preservare il sapore e la lucentezza dei loro prodotti.

TRIMMARE I FIORI DI CANNABIS COME UN PROFESSIONISTA
Pulire le cime di cannabis correttamente, richiede abilità e pazienza. I “trimmer” professionisti passano ore a fare in modo che i loro fiori sembrino perfetti.

Perché pulire le infiorescenze di cannabis?
Manicurare i fiori di cannabis non solo li fa sembrare migliori, ma ne fa assaporare il vero aroma quando arriva il momento di fumarli o svaparli. Le foglie contengono clorofilla e più foglie rimangono sui tuoi boccioli, più avranno sapore di erba o di fieno invece di mostrare i veri sentori che contengono.

Strumenti per una buona trimmatura:
• Forbici affilate con una buona punta ben accentuata
• Alcol per la pulizia delle lame appiccicose
• Buona illuminazione
• Un tavolo pulito e comodi posti a sedere

Quando pulire le infiorescenze?
Pulire le infiorescenze appena raccolte, significa togliere tutte le foglie di ventaglio e le foglie resinose prima di asciugare le cime, mentre pulire a secco significa appendere le piante con le foglie intatte e quindi rimuoverle dopo che i rami si sono asciugati. Fondamentalmente, si tratta di preferenze personali su come si desidera realizzare questo procedimento, ma entrambi i metodi hanno i loro pro e contro.

Pulire le cime subito dopo aver raccolto è più facile perché le foglie sono ancora turgide e il loro rigore le fa sporgere più dai fiori. Dopo l’essiccazione, le foglie si abbassano e si arricciano più vicino ai boccioli, ciò rende il lavoro di trimmatura un po’ più difficile.

D’altra parte, se aspetti che il raccolto si asciughi, le piante impiegheranno un po’ più di tempo a seccare a causa dell’acqua delle foglie. Un’asciugatura più lenta può rendere l’esperienza del fumo più liscia e pulita, poiché più tempo impiega ad asciugare il raccolto, più perderà l’odore e il sapore della clorofilla “verde”.

Taglia via le grandi foglie di ventaglio e le foglie resinose che fuoriescono dai boccioli, ma lascia una parte delle foglie interne per mantenere l’asciugatura lenta e per proteggere i fiori e le loro ghiandole tricomiali piene di olio essenziale. Quindi, dopo che i rami si sono asciugati e si spezzano invece di piegarsi, esegui una seconda pulitura più accurata, prima di iniziare il processo concia in vasetti di vetro.

Quale metodo scegliere?
Come vi ho anticipato, non esiste un metodo indicato che sia corretto per tutti, bisogna ingegnarsi e trovare quello più adatto alle nostre esigenze.

In sintesi, per evitare confusioni e svolgere correttamente le operazioni di pulizia ed essicazione del nostro prezioso raccolto ecco qualche consiglio utile in ogni caso:

– togli prima le grandi foglie (chiamate foglie prendisole);
– assicurati di rimuovere le foglie alla loro base (dove incontrano i rami) per evitare di lasciare gambi spessi all’interno dei fiori. Tagliare intere piante può essere piuttosto ingombrante a seconda delle loro dimensioni, quindi rimuovere i singoli rami per renderli più facili da tagliare. Un ottimo metodo è farlo dall’alto verso il basso in quanto ciò crea “ganci” dai rami, il che li rende facili da appendere ad asciugare;
– tenendo i singoli rami alla base, mantieni le forbici inclinate verso l’alto e togli le eventuali foglie che sporgono dai boccioli. Questo include le piccole foglie “zampe di gallina” che iniziano alla base di ciascun fiore;
– ruota i rami con una mano, mentre pulisci con l’altra. Usa le punte delle forbici per entrare in profondità tra le cime per una manicure adeguata. Rimuovi tutto ciò che non è coperto da tricomi ghiandolari;

Se stai sbavando, ora è il momento di appendere i rami tagliati ad asciugare.
Fatto ciò conviene trovare dei contenitori adatti alla concia, preferibilmente in vetro e che siano tenuti in un luogo fresco, buio ed asciutto.
Ricorda semplicemente di essere meticoloso nella trimmatura delle tue infiorescenze. Una corretta informazione e buone pratiche di raccolta, essicazione e concia, fanno la differenza, sia a livello di sapore che di high; impariamo a consumare della buona cannabis autoprodotta correttamente!

Curiosità: esistono specifici metodi per il controllo dell’umidità nella fase di concia, come le buste di Humidity Control, nati come umidificatori per sigari, si prestano benissimo anche alla conservazione di infiorescenze. Poste sul tappo dei contenitori in vetro, queste pratiche bustine in vari formati utilizzano un gel composto da acqua e sale che rilascia umidità quando questa è carente e la assorbe, quando eccede.

Disponibili in vari formati ed in più livelli di umidificazione (62-65-69-72-75%), non necessitano di alcuna manutenzione o ricarica e non contaminano il prodotto finale. Il gel umidificante interno alle bustine rilascia vapore acqueo purificato, l’effetto dura dai 2 ai 4 mesi a seconda della grandezza.

Quando il gel all’interno della busta diventa rigido allora ha esaurito la sua funzione e va sostituita; in sintesi questo prodotto rappresenta un’ottima soluzione per chi si cimenta nell’arte della concia per la prima volta.

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy