Un'immagine di Yogi Krishnanath

Un’immagine di Yogi Krishnanath

La prima notizia è che è successo davvero, la seconda è che il trucco non è riuscito, nel senso che i carabinieri sono rimasti svegli ed hanno portato a termine il fermo dell’uomo. La grottesca vicenda è andata in scena a Casal Lumbroso (appena fuori Roma), protagonista Alessandro Pace, meglio conosciuto con il nome di Yogi Krishnanath, ex commercialista 64enne divenuto santone induista dopo un lungo periodo trascorso in India.

Nella sua abitazione, posta all’esterno del Kalimandir (unico tempio induista ufficialmente riconosciuto di Roma), da lui stesso fondato 30 anni fa, i carabinieri hanno trovato il raccolto di nove piante di cannabis (oltre un chilogrammo totale). Alla vista degli agenti il santone, dopo aver apostrofato gli agenti con il classico “voi non sapete chi sono io”, avrebbe cominciato a fissarli tentando di farli cadere in ipnosi. Il tentativo non ha funzionato e Yogi Krishnanath è stato così denunciato in attesa del processo per direttissima.

Yogi Krishnanath d’altra parte, non aveva mai nascosto la sua adesione alla causa antiproibizionista, come dimostra questo video che testimonia la sua partecipazione alla Million Marijuana March di Roma nel 2008. Convertitosi all’induismo negli anni ’70 in India, è uno dei pochissimi guru ufficialmente riconosciuti in Italia, ed il tempio Kalimandir è diventato negli anni luogo d’incontro per tutta la comunità induista del Lazio, che al suo interno oltre alle pratiche di preghiera seguiva corsi ed attività culturali.

Uno dei video sull’attività del tempio Kalimandir in cui compare Yogi Krishnanath

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "Google Youtube" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.