Libri e guidePsiconauta

Guida alle danze estatiche, ieri e oggi

Un testo italiano fresco di stampa, Il Dio che danza. Viaggi, trance, trasformazioni (Nottetempo), affronta scenari nient’affatto lontani, o fors’anche complementari ai Misteri Eleusini. Paolo Pecere, ricercatore presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Roma Tre, ci trasporta nei suoi viaggi sulle tracce di un fenomeno antichissimo e universale: la trance da possessione indotta dalla danza e dalla musica.

Prima tappa è proprio l’antica Grecia, con i rituali dedicati a Dioniso, il “dispensatore di gioia”, il dio “che scioglie e libera”, lasciando che la vita rompa i margini fragili dell’io e delle norme sociali. Si va poi dalla Puglia all’Africa, passando per l’India e il Pakistan, fino al Nuovo Mondo. E proprio nell’ultima tappa, dedicata al cuore della frenesia tecno-contemporanea, la Grande Mela americana, riemerge la questione che in fondo permea quest’intero percorso sui generis: cosa resta di questo tipo di pratiche nel mondo odierno?

Le antiche forme assumono oggi nuove funzioni: nel subcontinente indiano le danze estatiche veicolano tensioni religiose e sociali, in Africa e Brasile sostengono l’identità culturale di chi è stato colonizzato, negli Stati Uniti si accompagnano allo sviluppo della cultura LGTBQ. E lo sciamanismo dell’Amazzonia, con l’ampia diffusione di variegati rituali basati sull’ayahuasca, diventa principio di resistenza contro la distruzione capitalistica della grande foresta. Visto il periodo forzatamente privo di danze collettive o trasformazioni partecipate, ecco dunque un proficuo sostituto di taglio letterario e “casalingo”.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.