In Siria si continua a morire. Una strage di innocenti quella in corso a Goutha. Il cessate il fuoco decretato dalle Nazioni Unite non viene rispettato, i bombardamenti continuano con la certezza che nessuno pagherà per questi crimini contro l’umanità.

Siamo al definitivo fallimento delle Nazioni Unite. Dovevano prevenire le guerre, risolvere e metter fine ai conflitti, punire i responsabili. Ed invece…

Continua il bagno di sangue in Yemen dove un popolo intero soffre la fame causata dalle bombe e dall’embargo saudita. Va avanti il genocidio in Sudan del Sud, la mattanza spaventosa della Repubblica Democratica del Congo, l’eliminazione dei rohingya in Birmania, il massacro di innocenti in Camerun e Repubblica Centroafricana.

Centinaia di migliaia di uomini delle missioni di pace sono divenuti solo un costo per la comunità internazionale, incapaci di svolgere la loro funzione a causa degli interessi contrapposti in sede di Consiglio di Sicurezza che ne paralizzano l’azione.

Il mondo è allo sbando su tutti i più grandi problemi causa la rinascita di spinte nazionalistiche e dell’odiosa idea del “prima di tutto noi”. È guerra di tutti contro tutti, senza regola alcuna se non l’odio e l’interesse di pochi.

Un nuovo ordine mondiale va costruito e presto se non vogliamo che arrivi il peggio. Sì, perché il peggio è possibile. A doverlo costruire deve essere il protagonismo di tutti noi, la voglia di pace e di giustizia che alberga nell’animo della maggioranza delle donne e degli uomini di questo nostro povero pianeta.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.