Ad un certo punto della sua vita – nel 1846 – Henry David Thoreau fu arrestato. Il grande filosofo e scrittore statunitense si rifiutò infatti di pagare una tassa imposta dal suo governo. Tassa che serviva a finanziare una guerra schiavista nei confronti del Messico. Per questo fu prelevato dalla sua dimora e messo in carcere. Di lì a breve, uno dei suoi migliori amici e colleghi, Ralph Waldo Emerson, andò a trovarlo. Vedere Thoreau dietro alle sbarre era cosa strana: non si trattava di un emarginato né di un criminale, bensì di una persona distinta e rispettabilissima. Così il suo amico gli chiese: «Henry, cosa ci fai lì dietro?!» La risposta di Thoreau fu: «Caro Waldo, la questione non è cosa ci faccio io qui dietro, ma cosa ci fai tu lì fuori

Quando una legge è ingiusta, può essere giusto infrangerla.

Questa è la disobbedienza civile e questa è la grande lezione di Henry Thoreau così come di altri grandi del passato, da Malcom X a Nelson Mandela, da Lev Tolstoj a Gandhi. Persone che decisero di infrangere le leggi del loro tempo, per dimostrarci l’insensatezza e l’ingiustizia di tali leggi.

Oggi, chi coltiva Cannabis (in Italia o in qualsiasi altra zona del mondo) – una pianta che cresce spontaneamente in natura, che non ha dose letale, che non ha mai provocato un singolo morto nella storia dell’umanità, che ha importanti proprietà mediche, che rappresenta una risorsa preziosissima per l’essere umano nonché una valida alternativa al petrolio e i suoi derivati – non compie alcun reato ma, eventualmente, mette in atto un’azione legittima, inoffensiva, pacifica e rivoluzionaria di disobbedienza civile.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.