(credit illustrazione: ferdi-rizkiyanto.blogspot.it)

“Se il clima fosse una banca, i paesi ricchi l’avrebbero già salvato.”



Quanta verità, in queste parole di Hugo Chavez, ex presidente del Venezuela.

Mi sorprendo quotidianamente per l’indifferenza diffusa nei confronti della questione cambiamento climatico e più in generale, per il totale disinteresse verso le gravi problematiche che affiggono il pianeta terra. Problematiche, tra l’altro, causate esclusivamente da noi.

Se da un lato negli ultimi anni stiamo assistendo a un cambio di mentalità, una presa di coscienza importante per milioni di esseri umani e nuovi modelli di sviluppo più ecologici e sostenibili, dall’altra questo argomento continua ad essere troppo marginale, troppo poco discusso e soprattutto facilmente accantonato.

Ma cosa deve succedere ancora perché diventi la nostra priorità assoluta?!

Tutte le più grandi civiltà del passato, dagli Inka ai Nativi americani e così via, avevano un rapporto di profondo rispetto ed estrema gratitudine nei confronti di Madre Terra, Pacha Mama, Gaia e il motivo è molto semplice: erano perfettamente consapevoli che si trattava della la cosa più preziosa che avevano, la loro madre, la loro casa.

Da allora non è cambiato nulla se non la nostra consapevolezza, che si è sgretolata sotto il peso dello squallido consumismo e del profitto a qualunque costo.

Ma è troppo tardi per essere pessimisti, recita uno slogan nel bellissimo documentario “Home, la nostra casa” (cercatelo sul web, va visto). Bisogna agire, adesso!

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy