londra-pista-ciclabile

Siamo nel bel mezzo di una rivoluzione epocale, ma molti di noi non se ne rendono conto. 
Non è nemmeno facile vederla, specie qui in Italia, dove tutto appare immobile o peggio, in decadenza. E’ sufficiente però mettere il naso fuori dai confini nazionali per scoprire un mondo in rapida trasformazione.

Di recente mi è capitato di andare a Londra. L’ho trovata completamente diversa rispetto a qualche anno fa e la cosa che più mi ha impressionato è stata la quantità di biciclette in centro città. Manager in giacca e cravatta, operai, casalinghe, studenti, anziani e giovani, tutti su due ruote. Qui a breve inizieranno i lavori per una super pista ciclabile futuristica di 220 km, sopra elevata e trasparente, che attraverserà tutta la capitale inglese.

A Tokyo, città con quasi 20milioni di abitanti (un terzo di tutti gli italiani), quando scatta il rosso ai semafori cala il silenzio: tutte le auto sono elettriche e si spengono automaticamente.

A Berlino è nato un supermercato dove è possibile fare la spesa alla spina, di qualsiasi prodotto, comprando solo la quantità desiderata ed evitando gli sprechi.
Contemporaneamente in Francia è passata una legge che impone ai supermercati di non distruggere il cibo vicino alla data di scadenza ma di metterlo a disposizione di senzatetto e famiglie in condizioni economiche precarie.

A Oslo è decollato il primo aereo di linea, un Airbus 320 della Lufthansa, alimentato a bio-kerosene.

E il Sudafrica ha aperto il primo aeroporto a energia solare del continente, nella provincia di Western Cape.

In Costa Rica il 99% dell’energia che ha alimentato il Paese nel 2015 deriva da fonti rinnovabili.

Di esempi simili ce ne sono un’infinità e sempre di più.

Si, nonostante tutto, anche nel nostro Paese e non certo per merito dei nostri governanti bensì dei cittadini.
A Roma ad esempio, un caso curioso ed emblematico: in mancanza di percorsi per le biciclette è nato il movimento dei CUC (ciclabili ufficialmente clandestine), ovvero blitz nei quali persone armate di vernice e determinazione, disegnano corsie e installano cartelli per chi ha deciso di pedalare in città, invece che muoversi in auto.
Un’encomiabile azione di disobbedienza civile che speriamo si diffonda a macchia d’olio (nell’attesa che la politica si svegli).

piste-ciclabili-clandestine-roma

E’ questa la piccola grande rivoluzione che la razza umana porta avanti oggi, un passo alla volta. E d’altronde non abbiamo alternative: o così o sarà bene cercarsi al più presto un altro pianeta.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.