Grow

Green Poison, Psicodelicia, Blue Hash femminilizzate (Sweet Seeds, Dinafem Seeds)

Eccoci qui! Sono emozionato nel riuscire a presentarvi il mio quarto ciclo! Quest’anno mi sono organizzato partendo dalla location (outdoor), che è parecchio difficile da raggiungere e divisa in tre siti.

Gli strain sono i seguenti: 2# GREEN POISON + 1# PSICODELICIA (SWEET SEEDS) + 2# BLUE HASH (DINAFEM SEEDS).


Le 2 Green Poison e la Psicodelicia sono state messe ciascuna in una buca di 35/45 cm di larghezza per 65/70 cm di profondità riempite con:
– 3/5 cm di pomice sul fondo
- mix di bioton
- radicom
- terriccio multipianta già micorizzato (vigorplant)
– un poco di cocco, perlite, humus di casa e micorizze, tutto ricoperto da un altro strato di pomice.

img1

Le Blue Hash sono in vaso, poiché ci vuole ancora tempo per il travaso.
Le piante hanno quasi tutte risentito dei freddi notturni e difatti la crescita è stata rallentata, le più grandicelle sono alte circa 20/30 cm per 8 internodi.

Qui di seguito la Green Poison e l’altra Green Poison, che sono rispettivamente in terra da 9 e 6 giorni, ed è arrivato il momento di topparle (fase vegetativa), cioè tagliare la cima. Però aspetterò un po’ per la prima Green Poison perché è quella che spinge di meno e presenta strane zone maculate sulle foglie (soprattutto dei rami) di colore giallino, anche se è quella che si è allungata di più.

img2  img3

In questa foto invece c’è la Psicodelicia che pensavo di piegare ad arco piano senza toppare.

img4

Mentre le 2 Blue Hash dovrei riuscire a tenerle sotto il metro di altezza quindi sarebbero da toppare anche loro al più presto, l’importante è che sia fatto in fase vegetativa. 
Preso dall’impeto ho comprato k-directina dell’antika botanika un prodotto che dovrebbe stimolare le piante e produrre difese naturali contro afidi, bruchi e insetti vari, oltre ad avere un po’ di nutrienti.

Grazie alle grosse piovute le piante avevano ancora il terriccio umido, infatti da quando le ho trapiantate fuori non gli ho ancora portato da bere!

La pianta che ha reagito meglio in assoluto al trapianto è la Psicodelicia, è la più ramificata e ha il tronco più grosso di tutte le altre. Ho notato però un leggero ingiallimento, soprattutto nella Green Poison, indi per cui ho dato poco più di 1 litro e mezzo d’acqua a testa con circa 1,7 ml di bio grow (biobizz).

img5

Blue Hash toppata finalmente nella dimora finale, buca di 40x 50h, più piccola perché la terra intorno non è il massimo. Terriccio bio della Canna + mix di terricci rimasti (vigorplant), perlite pomice sul fondo e sopra ma soprattutto un po’ di humus in più perché credo di averne messo poco nelle altre piante. Lo scolorimento della pianta sembra stabile dopo un’altra dose di fertilizzante.

img7

Un problema è stato riscontrato nella prima Green Poison piantata, ha rallentato la crescita di un bel po’ e l’ingiallimento fogliare si espande, anche se ha lo stesso mix di terriccio delle altre e viene irrigata e aggiunto il fertilizzante come le altre. Quindi non penso che sia mancanza di azoto, invece credo che le radici siano arrivate alla terra del posto, piena di gramigna, e questo gli ha causato squilibri, creando alleochimia tra piante. Il giorno successivo ho pulito la zona circostante e, infatti, solo 2 giorni dopo aver pulito tutto la pianta è praticamente tornata come prima. Dopo un paio di fertilizzazioni con quasi 4ml per 1,5 lt di acqua si sono abbastanza riprese e ora quella che ha il colorito più bello è quella che stava peggio…

Intanto, mentre spostavo la Blue Hash mi è caduta e gli ho spezzato uno dei 4 rami apicali, all’inizio ho sistemato il tutto legando la parte interessata con un nastro poi in seguito a vari consigli ho deciso di curare la parte spezzata con il miele, fonte di molti carboidrati (zuccheri) facilmente assimilabili dalle piante, ma per non farlo diventare un cimitero di insetti bisogna lasciarlo per circa 5 ore e poi lavarlo con spugnetta e acqua.

Intanto le 2 Green Poison iniziano finalmente a mostrare i primi peletti anche nelle cime, la prima Green Poison è la più avanti di tutte.

img8 img9

In seguito all’aumento della temperatura, negli ultimi giorni, ho aggiunto uno strato di pacciamatura alle piante. Vorrei aggiungere che se avete problemi di scarsa ritenzione idrica del terreno non usate MAI il terriccio bio canna drena davvero troppo velocemente e si asciuga in un attimo.

A questo punto le piante non sono diventate altissime dato che le ho toppate in precedenza, la più alta è la Psicodelicia (quasi 1.80m).

Dopo qualche giorno ho trovato delle macchie presenti sulle foglie, penso siano tripidi, insetti che vivono a spese delle piante.

img10

Dopo una settimana il giallore generale si è rifatto vivo e ho deciso di integrare insieme al bio bloom circa ¾ ml di sangue di bue, per vedere se cambiano colorito. Anche la Psicodelicia finalmente ha iniziato a fiorire. Dato che il pk 13/14 sta simpatico a poche persone vedrò di dare qualche buona fertilizzata fino alla data stabilità solo con bio bloom. Era tornata a stare bene la Psicodelicia e aveva ripreso colore ma dopo 20 giorni ha ripreso a perdere colore e foglie anche sulle apicali, dopo varie informazioni ho scoperto che sono dei parassiti succhia linfa, i cocciniglie, per fortuna le femmine della specie una volta fecondate perdono le zampe e quindi non si muovono.

img11

Mi è stato consigliato dato lo stadio di fioritura della Psicodelicia di eliminarli a mano con cotone e alcool. Le piante iniziano a dare grandi soddisfazioni, le cime continuano ad ingrassare, ma devo sistemare le Blue Hash che con i 2 rami spezzati non sostengono più il peso dei fiori, entrambe hanno cime dure come la roccia ed emanano un profumo dolce/cremoso. Da più di 2 settimane non le sto più fertilizzando data la fase di fioritura avanzata, ho provato solo a dare 20g di zucchero di canna in 10l di acqua. 
Finalmente ho raccolto la prima Green Poison e la seconda a causa dei bruchi dato che non mi sembrava il caso di aggiungere altri prodotti.

img12

Le Blue Hash sembrano pronte ma sono ancora in vita, come la Psicodelicia, poiché guardando in macro si vedono pochissimi cristalli ambrati, sono quasi tutti color latte, anche se a confronto con le altre è “ultracristallosa”. La Psicodelicia non è in formissima, le cime non si sono gonfiate a dovere perché hanno smesso di crescere, ma per lei ormai penso ci sia ben poco da fare…
La Green Poison dopo averla pulita è stata pesata per un totale di 240g.
La Blue Hash fimmata, con la cima tagliata, ha prodotto 270g, la toppata 390g, la Psicodelicia ad occhio direi 200/250 g.
Alla fine dei conti mi ritengo soddisfatto dei risultati, l’erba è tanta e buona…

img13

Purs

 





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Lascia un commento

Cerca anche
Close
Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.