10941_grantorino-4b77abd141033La Ford Gran Torino in giardino è un moloch silente, proprio come il suo vecchio proprietario, Walt Kowalski inchiodato alla sedia sul patio, ringhioso e solo. Ha le rughe fitte di Clint Eastwood, ruggisce quando i figli gli propongono il trasloco alla residenza per anziani, è un nonno incazzato senza cedimenti sentimentali. Veterano del Vietnam, conservatore e razzista, detesta i rumorosi vicini coreani, almeno fino a quando qualcuno non li minaccia vigliaccamente. A quel punto Clint rispolvera l’ispettore Callaghan, che però ormai non ce la fa più, usa minaccioso (splendida autoironia) il dito puntato anzichè la Magnum e monda tutti i peccati del mondo con un gesto esemplare, inaudito, sacrificale.

Stilisticamente crudele e insieme classico, essenziale, il film è un pugno veloce nello stomaco, un capolavoro che non si nasconde dietro il dito dei buoni propositi, ma guarda in faccia la realtà senza ingombri ideologici. Nessuna nomination agli scorsi Oscar per Clint, l’Academy preferisce la storia dell’anziano Benjamin che ridiventa bimbo a quella, intollerabile, di un vecchio antipatico che non trova nulla di fiabesco nell’avanzare dell’età.

fonte: piaceriforti.blogspot.com
a cura di Bloodymama

 





Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.