Il Giappone ha alcune delle leggi sulla droga più restrittive al mondo, il possesso di pochi grammi prevede fino ai cinque anni di reclusione, in più a gennaio il governo ha lanciato una proposta per bandire il THC nel sangue, il che renderebbe illegale l’uso di cannabis persino durante una vacanza.

Nonostante le politiche di tolleranza zero applicata nei confronti dei consumatori, alcune informative societarie mostrano che il Fondo di Investimento Pensionistico Governativo Giapponese (GPIF) ha accumulato partecipazioni per un totale di circa 80 milioni di dollari in almeno tre società di cannabis, con 1,7 milioni di azioni di Canopy Growth Corp., che negozia alla borsa valori dell’Ontario.

“È una totale contraddizione, le vite delle persone vengono rovinate per questo”, afferma  Michiko Kameishi, un avvocato di Osaka che ha rappresentato dozzine di imputati in casi di possesso di cannabis.

La portavoce della GPIF Nao Honda sostiene di agire “esclusivamente per garantire rendimenti a lungo termine per i nostri membri”.

Il più grande fondo pensionistico pubblico del mondo sta di fatto affrontando un problema non nuovo ai gestori di denaro pubblico, ovvero come garantire ottimi rendimenti rispettando i principi morali e legali della comunità.

Meeta Kothare, professore presso la McCombs School of Business di Austin, afferma che evitare del tutto di investire denaro pubblico in società che si impegnano in attività in conflitto con i valori di una comunità è quasi impossibile, poiché la maggior parte dei fondi pensione detiene azioni in fondi indicizzati, che investono in dozzine o addirittura centinaia di società che possono essere coinvolte, a loro volta, in una miriade di attività.

Kothare afferma che questi fondi hanno sempre abbracciato il rischio perché investimenti più sicuri, come le obbligazioni sovrane, non offrono più i rendimenti necessari per provvedere alla pensione, specialmente in un paese come il Giappone che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha l’aspettativa di vita più lunga del mondo.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.