Buone notizie

Glifosato, Lione per precauzione ne vieta l’uso nonostante la proroga europea

Glifosato, Lione per precauzione ne vieta l'uso nonostante la proroga europea

Nonostante l’approvazione da parte dell’Unione europea fino al 2021 dell’uso dell’erbicida sospettato di essere un probabile cancerogeno, la Francia va controcorrente in tema di glifosato. Il tribunale di Lione ha infatti vietato la messa in commercio del Roundup Pro 360 di Monsanto, il prodotto diserbante che lo contiene.

I giudici francesi hanno così accettato un ricorso presentato dal Comitato per la ricerca indipendente e informazione sull’ingegneria genetica che ha dimostrato che Roundup Pro 360 reca danni ambientali – è particolarmente tossico per gli organismi acquatici – e potrebbe avere anche gravi conseguenze sulla salute umana.

Il tribunale lionese ha, in questo senso, citato le conclusioni alle quali è giunto il Centro internazionale di ricerca sul cancro (Circ) dopo aver studiato la questione. Secondo le quali il glifosato dovrebbe «essere considerato come una sostanza dal potenziale cancerogeno per l’essere umano».

Nuovo capitolo quindi della polemica globale sull’uso o meno del glifosato mentre un deputato al Parlamento europeo del gruppo Verdi/ALE, Marco Affronte, denuncia la lobby dell’industria chimica che, a suo dire, influenza le decisioni a livello europeo sull’autorizzazione al glifosato: «È inammissibile che la salute pubblica venga messa a rischio solo perché l’industria chimica possa realizzare un profitto. È estremamente preoccupante vedere che fino al 50% di alcuni capitoli della valutazione del regolatore tedesco sono stati effettivamente scritti dalla Monsanto».

Tra tre anni l’Unione europea dovrà decidere se rinnovare o meno l’autorizzazione all’uso di glifosato. E sarà proprio la Francia lo stato che dovrà fornire una relazione in merito alla Commissione.

Glifosato, Lione per precauzione ne vieta l'uso nonostante la proroga europea

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button