Gli elefanti hanno trilioni di cellule in più degli esseri umani – cellule che, in teoria, potrebbero sviluppare il cancro. Eppure solo il 5 percento degli elefanti in cattività muore per questa patologia.
Joshua Schiffman, ricercatore presso l’Huntsman Cancer Institute nello Utah, studia gli animali che hanno sviluppato modi per “resistere naturalmente al cancro“, nonostante la loro mole e longevità, come appunto gli elefanti e le balene. Studiando il funzionamento interno di geni e molecole nel regno animale, diversi scienziati sono al lavoro sperando di svelare nuovi modi per prevenire o addirittura curare il cancro negli esseri umani.

Ad esempio, secondo uno studio guidato dal genetista Vincent Lynch, pubblicato su Cell Reports e intitolatoA Zombie LIF Gene in Elephants Is Upregulated by TP53 to Induce Apoptosis in Response to DNA Damage”, si spiega che negli elefanti esiste una particella cromosomica non più attiva in moltissimi mammiferi, ma che nei pachidermi è “tornata in vita” circa 25 o 30 milioni di anni fa. LIF viene attivata da TP53 e uccide le cellule il cui DNA è stato danneggiato creando una proteina che causa la perforazione dei mitocondri.

Nel frattempo anche Robin Cristofari, un biologo dell’università finlandese di Turku, nell’ambito del progetto Genomics of Aging in Elephants, ha sequenziato il genoma degli elefanti asiatici per approfondire lo studio sul gene speciale TP53, che, dice su Horizon, «è come un coltellino  svizzero per il controllo del cancro. Agisce come neutralizzatore del tumore e prende il comando dell’azione ogni volta che ci sono cellule tumorali presenti, adattandosi a ucciderle, a ripararle». Gli esseri umani hanno solo una copia di questo gene.

L’idea è di capire come si sono evoluti gli elefanti per diventare così efficaci nella lotta contro il cancro e vedere se questa informazione possa ispirare una prevenzione del cancro innovativa negli esseri umani.

Sulla base dei dati sul numero di divisioni cellulari e sul tasso di mutazione, si stima che gli animali più grandi dovrebbero avere un rischio maggiore di sviluppare il cancro del colon entro i 70 anni. Questo prevede una probabilità inferiore all’1% per gli esseri umani, che corrisponde alle statistiche di incidenza riportate nel Regno Unito (Cancer Research UK). Tuttavia, sebbene i modelli stimino probabilità molto più elevate per animali di grossa taglia come elefanti africani e balene blu, il rischio di cancro è in realtà molto più basso negli elefanti che negli umani. Sulak et al. suggeriscono che gli elefanti si sono evoluti per rendere il rischio di cancro significativamente ridotto replicando il gene soppressore tumorale TP53. Sembra che le balene abbiano sviluppato altre soluzioni, che rimangono sconosciute

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.