Brian Saunder Lewis è un artista, poeta e musicista americano noto per molte opere d’avanguardia e provocatorie sotto diverse forme: performance, installazioni e composizioni musicali.

Nel 1995, l’artista ha cominciato a dipingere un auto-ritratto al giorno: “Per centinaia di anni gli artisti si sono concentrati sulla rappresentazione dell’ambiente circostante. Io voglio fare il contrario. Cercare di raccontare il mondo circostante attraverso la rappresentazione di me stesso, un approccio che mi si addice molto di più”.

Ma è nel 2001 che il suo progetto si fa davvero interessante: l’artista infatti comincia a ritrarre se stesso, ogni giorno sotto l’effetto di una droga diversa. Brian si dipinge sotto l’effetto di droghe “classiche” come cocaina, marijuana, metanfetamina, allucinogeni etc ma anche sotto l’effetto di anti-depressivi, sciroppo per la tosse e computer duster.

Nell’osservare i ritratti, si ha ben chiaro come le droghe e i farmaci influiscano sulle sue capacità motorie e di come Brian cerchi di compensare comunicando l’esperienza che sta vivendo. Nei disegni comunica sia ciò che gli accade a livello mentale sia l’interpretazione deviata dalla droga dell’ambiente esterno a lui circostante. I colori e lo stile dei quadri riflettono le sue sensazioni: ci sono quadri dove si faticano a distinguere le forme e senza colori mentre ce ne sono altri super colorati e articolati.

Al momento i ritratti sono circa 8.000 e l’artista afferma “col passare del tempo sono diventato apatico e ho sofferto di lievi danni celebrali” infatti ha continuato a portare avanti l’esperimento solo utilizzando i farmaci che gli vengono prescritti. Brian Saunder Lewis, inoltre ha creato “Near Death Experience”, un video di circa cinque minuti che include 3.000 dei suoi autoritratti. Il video invita a riflettere sugli effetti delle droghe e il loro potere sulla nostra mente, cercando di sensibilizzare la gente sul tema della dipendenza.

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.