Quando il Padre celeste e la Madre terra si unirono, nacquero le isole Hawaii e la sua vetta più alta, Mauna Kea, ne rappresenta l’ombelico. Così racconta la storia tramandata da generazioni che indica questa montagna come il primo antenato dei nativi, un luogo sacro e quindi intoccabile.

Esiste però un progetto scientifico che vorrebbe costruire sulla sua cima un telescopio, uno dei più grandi del mondo, a causa delle condizioni favorevoli che può offrire alla ricerca: le Isole Hawaii infatti hanno un basso inquinamento luminoso, bassa umidità e cieli sereni.

La prospettiva ha scatenato un’ondata di attivismo con i nativi che hanno bloccato la strada d’accesso a Mauna Kea, rifiutandosi di lasciare passare i camion delle costruzioni. Anche Damian Marley ha preso parte alla protesta, interrompendo il suo tour di concerti, per sostenere con la sua presenza la causa di chi vuole preservare e proteggere la propria terra.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

https://youtu.be/J-Jv84L2RgI

 

I lavori per il telescopio sarebbero dovuti iniziare lo scorso mese ma proprio grazie alle proteste – le ultime di una lunga storia di disobbedienza civile dei nativi hawaiani e atti di resistenza – il progetto è stato rimandato. Se ne riparlerà tra due anni, intanto i nativi di tutto il mondo non smetteranno di lottare per proteggere la loro storia e la loro cultura.

I nativi con Damian Marley




Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.