CannabisBufale e disinformazioneContro-informazione

La peggior puntata televisiva di sempre sul tema Cannabis la manda in onda AnnoUno (LA7)

Sempre più spesso in TV si parla di legalizzazione della cannabis: ci sono arrivati gli echi di ciò che succede negli Sati Uniti e in alcuni paesi europei. Noi non vogliamo essere da meno, ma c’è una differenza importante. Negli altri paesi, la doverosa dialettica fra diversi punti di vista è impersonata da soggetti che conoscono bene l’argomento e posseggono pari esperienza come comunicatori.

Sappiamo bene che Giovanardi finge di essere preparato. Il suo lavoro consiste nel fingere di sapere e di convincere altri della sua ragione. Quello che non avremmo voluto vedere ieri sera ad AnnoUno sono giovani, più o meno preparati ma inevitabilmente di poca esperienza nella comunicazione, costretti a discutere con un lupo mannaro del Parlamento. Lupo sdentato ormai, ma sempre scaltro. E ci eravamo illusi che si potesse finalmente affrontare l’argomento con serietà e competenza.

La legalizzazione della cannabis non è senza rischi. Il pragmatismo americano, ma anche ispanico e nordeuropeo, ha semplicemente raccolto dati scientifici e li ha resi disponibili ai cittadini tramite persone competenti che espongono ragioni favorevoli o contrarie. I cittadini sono stati informati e i loro rappresentanti politici hanno preso conseguenti decisioni.

Triste dirlo, ma ieri sera, la trasmissione di AnnoUno su La7 non solo non ha informato i cittadini,  ma li ha totalmente disinformati e confusi. La discussione si è come sempre trasformata nell’italica caciara, in questo caso con un pizzico di conflitto generazionale che tira sempre, invece di usare competenze giornalistiche per sintetizzare e mostrare i risultati degli studi medici, biochimici e sociali compiuti negli ultimi quarant’anni.

studio-announoUn cocktail di slogan populisti, cifre e dati sbandierati a casaccio, affermazioni false-travisate-confuse, servizi fuori luogo (non era una puntata sulla Cannabis? E allora perchè parlare di altre sostanze?), zero confronti costruttivi o spunti di riflessione approfonditi. Peggio di così era veramente difficile fare.

Probabilmente la maggioranza degli italiani è già a favore della legalizzazione. Ma fino a quando comunicatori attenti, come consideravamo la redazione di AnnoUno, commetteranno l’errore di mandare in onda spettacoli spazzatura come quello di ieri sera, non ci sarà alcuna evoluzione su questo tema nel nostro Paese. E cosa ancor peggiore, rischiano di vanificare il lavoro di chi (come noi) da diversi anni cerca di portare avanti una comunicazione seria e approfondita sul tema.

Questi argomenti sono molto complessi e influenzano qualità e durata della vita di milioni di persone. Non si lasciano discutere in prima serata in modo superficiale e spontaneistico.

Cara redazione di Anno Zero, se il vostro obiettivo era fare audience mettendo gladiatori contro leoni, forse ci siete riusciti. Se invece era Informare gli italiani sul tema Cannabis e proibizionismo, o per lo meno ospitare un confronto costruttivo, avete miseramente fallito.

Riportiamo infine il commento del nostro legale, l’Avv. Zaina, a conclusione della nostra analisi:

Passi Fedez che non si raccapezza, passi che l’opinionista principe sia il Chicoria, passi che la Innocenzi sia uno spot per una pubblicità di dentifrici, ma sentire: 1. Che per la conduttrice la recente sentenza delle SSUU riguarderebbe solo i recidivi ed il piccolo spaccio, quando, invece, si applica a tutte le ipotesi di condanna per derivati della cannabis;
2. Che per il sen. Giovanardi la sua legge era più favorevole perché prevedeva una pena da 6 a 20 anni (per qualsiasi droga) mentre ora la pena va da 8 a 20 anni, omettendo di dire che questa sanzione è solo per le droghe pesanti (le leggere vanno da 2 a 6 anni), senza che nessuno glielo faccia notare;
3. Che sempre per il Giovanardi ora la guida sotto l’effetto di stupefacenti non sarebbe reato (devono avere abrogato l’art. 187 CdS senza avvertire nessuno) ma determina solo la sospensione della patente, è davvero troppo.
Un tema così serio, banalizzato da giornalisti Impreparati e chiacchiere da bar…

announo cannabis

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button