«Bisogna evitare che gli spacciatori di tutta Italia convergano a Modena, fare opera di intelligence. Si spera che quelle 220mila persone vadano lì per ascoltare la musica e non per fare altre cose. Andate a vedere cosa succede in questi raduni, quante persone vengono fermate e arrestate per lo spaccio di droga. È una roba impressionante. È meglio prevenire per evitare problemi molto seri». Queste le dichiarazioni di Carlo Giovanardi sul concerto di Vasco Rossi che si terrà a Modena l’1 luglio.

Evidentemente i guai giudiziari che lo attanagliano, con l’accusa di aver fatto favori a imprenditori legati alla ‘ndrangheta, non lo hanno distratto dalla sua attività politica preferita, quella di invocare la repressione contro l’uso di sostanze, a cominciare dalla cannabis.

«220.000 persone raggruppate nello stesso posto che finiscono il concerto alle 23 di sera non si sono mai viste – insiste il deputato modenese – Io vado sempre alla manifestazione degli Alpini, ma quelli manifestano alle 9 del mattino e poi vanno via. Qui invece alle 23 si tratta di far defluire 220mila persone. Se hanno fumato, sono drogati o hanno bevuto è un problema».

Difficile non ricollocare la sua polemica nell’ormai annosa diatriba che lo contrappone a Vasco Rossi, in passatosi schieratosi più volte contro il proibizionismo. Anche se Giovanardi sostiene che avrebbe detto le stesse parole nel caso in cui il concerto fosse stato organizzato da qualsiasi altro cantante.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.