giovanardiCarlo Giovanardi ha lasciato il proprio partito (il Nuovo Centro Destra guidato da Alfano) e la maggioranza di governo, accusandolo di imporre una “mutazione antropologica” sulle droghe e le unioni civili. Giovanardi accusa in particolare Alfano di aver smarrito la vocazione originaria dell’Ncd “cristiana e di centro-destra” per rendere “strategica e permanente l’alleanza con la sinistra”, e sacrificando così i valori morali del partito.

VOGLIONO LEGALIZZARE CANNABIS E UNIONI GAY. Carlo Giovanardi non è il solo ad annunciare l’abbandono del partito, con lui si sono schierati 31 rappresentanti dei circoli Ncd in Emilia-Romagna, i coordinatori provinciali di Modena (città di Giovanardi) e Reggio Emilia e alcuni consiglieri comunali. Nel comunicato pubblicato sul proprio sito, Giovanardi accusa: “Il Sottosegretario agli esteri Benedetto Della Vedova sta portando avanti una campagna, insieme a decine di parlamentari (in realtà sono ormai 270, ndr) per la legalizzazione della cannabis mentre il prof. Giovanni Serpelloni non è stato confermato alla guida del Dipartimento per le politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio sostanzialmente svuotato di ogni funzione”. Giovanardi accusa inoltre Alfano di assistere senza reagire al “colpo di mano” che il governo sta imponendo per approvare le unioni gay.

LA LEGALIZZAZIONE DELLA CANNABIS ORA È PIÙ VICINA? L’uscita di scena di Giovanardi da Ncd e dal governo potrebbe rivelarsi una buona notizia in vista del dibattito nelle Commissioni e poi alle Camere della proposta di legge per la legalizzazione della cannabis. Da sempre è stato infatti Giovanardi stesso a minacciare l’uscita dal governo del partito in caso di voto favorevole alla legalizzazione. Anche Alfano è da sempre fortemente contrario alla legalizzazione, ma potrebbe non “minacciare” Renzi di abbandonare il governo in caso di voto favorevole, come sta facendo anche sulle unioni civili. Insomma, si può trattare di una potenziale buona notizia per l’antiproibizionismo italiano anche se (come abbiamo analizzato in questo articolo) per far passare la legalizzazione della cannabis sarà necessario il beneplacito di tutto il Pd e quindi anche di Matteo Renzi in persona. Cosa che al momento pare complicata.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.