cannabis-antinuclearIl blog specializzato in coltura della cannabis, Alchimia web, racconta che nel 1998 “Consolidated Growers and Processors (CGP), l’azienda Phytotech, e l’Istituto di Bast Crop dell’Ucraina cominciarono i loro esperimenti piantando diverse specie vegetali per l’eliminazione dei metalli contaminanti sul suolo di Chernobyl”. Grazie ad un processo chiamato fitodepurazione, “le piante che hanno dato i migliori risultati sono il girasole e la cannabis, con una depurazione dell’80% del suolo di una zona infettata”.

Bernard Bigot, amministratore generale del Commissariato all’energia atomica (CEA) aveva evocato questa soluzione sul giornale Midi Libre lo scorso 8 aprile: “E’ sufficiente raccogliere la pianta, farla seccare e poi bruciarla, le ceneri in seguito vengono trattate come rifiuti nucleari”. Contattato dal quotidiano Liberation precisa tuttavia che “bisogna bruciare le piante contaminate in un luogo adatto munito dei necessari filtri per trattenere la contaminazione”,. altrimenti c’e’ rischio di produrre un fumo radioattivo.

Per Jacqueline Garnier-Laplace dell’Istituto di Radioprotezione e Sicurezza Nucleare (IRSN), certe piante possono essere riutilizzate come biodiesel. Alcuni ricercatori citati dal quotidiano Le Parisien sostengono che “la colza ha la capacita’ di riassorbire le concentrazioni di superficie del cesium 137 e dello stronzio 90, che sono due radionucleidi che si trovano maggiormente nei territori contaminati in Ucraina e Bielorussia. Una volta raccolto, l’olio di colza sembra poco contaminato e puo’ essere riutilizzato per fabbricare del biodiesel”.

A parte gli estimatori della marijuana, anche se la coltivazione di piante di cannabis sembra possibile per la legislazione giapponese, questa ipotesi lascia scettici gli ecologisti. Stéphane Lhomme, presidente dell’Osservatorio del nucleare, ritiene che “questa soluzione e’ aneddotica e ridicola per numerose ragioni. Bisognerebbe ricoprire tutte le zone con piantagioni di cannabis, e’ impossibile, è assurdo”. “Siamo nella fase della ricerca di soluzioni miracolose ma non c’e’ niente di possibile. In Ucraina e Bielorussia, 25 anni dopo, ci sono ancora milioni di persone che vivono nelle zone agricole sempre contaminate dal cesio. E ci sono segnali che la situazione si aggravi”.

In tutti i casi, in attesa che accada qualcosa, sul sito Cannaweed.com l’internauta Crécrerelle fa notare che non fumerà più canne giapponesi.

fonte: Notiziario Aduc

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.